IL NAPOLI E I TIFOSI: “INCONTRO A DIMARO”

Marek Hamsik, Mirko Valdifiori, Pepe Reina e Manolo Gabbiadini raccontano il nuovo Napoli

Differenze tra Benitez e Sarri come filosofia tecnica?

Hamsik:Si vede molta differenza, fisicamente stiamo lavorando di più e tatticamente il mister è piuttosto maniacale. Sarri ha due moduli che sta provando tanto ed ha idee precise che stiamo seguendo

Reina: “Tutti e due hanno la propria idea di calcio e lavoro. Benitez ha vinto tanto, Sarri veine dal basso ed è riuscito ad arrivare in alto e speriamo faccia molto bene con noi. Sarri insegna calcio, parla tanto con tutti ed è un tecnico di carisma. Ho grande rispetto per Benitez che ha vinto tanto, ma ora stiamo lavorando per il Napoli e daremo tutto per il nuovo allenatore

Valdifiori: “Su Sarri posso dire che è una persona schietta, che parla tanto con noi e chiede alla squadra il mille per mille. Punta a creare un gruppo solido con una unità di intenti“.

Hamsik:”Si vede tanta differenza, sia sul piano fisico che tatticamente lavoriamo molto di più. Sarri è maniacale e stiamo lavorando doppio

Valdifiori: “Sarri dice quello che pensa, ama il lavoro e vuole il 100% quando siamo in campo. Io giocavo con una piccola, quando affronti grandi squadre come il Napoli è normale che un giocatore possa mettere in campo qualcosa in più per portare a casa il risultato. Sarri però sicuramente affronterà ogni gara allo stesso modo”.

Reina. “In questa città mi sento benissimo, la mia famiglia si sente benissimo.

Qual è l’obiettivo del Napoli quest’anno? 

Gabbiadini: “Ogni anno cerchiamo di migliorare, se riusciamo a fare meglio della scorsa stagione è già bene“.

Reina: “Puntiamo sempre al massimo ma non è giusto avere pressione. I conti si fanno alla fine e speriamo di fare una grande stagione. Ai tifosi chiedo pazienza e calore, noi ci metteremo passione e impegno

Hamsik: “Dobbiamo sudare, lavorare e dare il massimo adesso per poi arrivare a giocare una bella stagione. Non possiamo promettere nulla ma certamente possiamo dire che ce la metteremo tutta e  suderemo la maglia

Valdifiori: “L’anno scorso giocavo in una cosidetta piccola e cercavamo di compire delle imprese con le grandi, adesso sono al Napoli e sono convinto che Sarri preparerà le partite con la stessa determinazione e concentrazione per una stagione importante

Reina: “Cosa Prometto ai tifosi? Ai tifosi possiamo promettere massimo lavoro, poi non è facile quando cambi gioco e tanti giocatori”


Un pensiero sul calore dei napoletani –

Reina: “Napoli è una città fantastica, la mia famiglia sta benissimo. Per me è un onore indossare questa maglia in una città che vive di passione, di pane e pallone. Sono tornato nella squadra in cui volevo giocare e questo per me è il massimo

Gabbiadini: “A Napoli sto alla grande, preferisco far parlare il campo, ma è certo che se sto bene fuori sto meglio anche in campo”.

Valdifiori: “Mi sento pronto per essere un giocatore del Napoli, darò il massimo per dimostrare di essere all’altezza di questa grande piazza. Per me venire a Napoli è qualcosa di straordinario. Appena mi contattò De Laurentiis ero disposto a venire anche a piedi I compagni mi stanno aiutando molto, mi fanno sentire a mio agio e ringrazio tutti per l’accoglienza che mi hanno riservato

Gabbiadini

Gabbiadini: “A Napoli mi trovo bene, s’è visto anche in campo. Preferisco far parlare il campo e se sto bene fuori sto bene anche in campo “.

Come ti trovi con Higuain e con quale compagno in attacco hai maggiore intesa?

Con Higuain mi sono trovato benissimo l’anno scorso e speriamo di fare ancora più gol nella prossima stagione. Ma mi trovo bene con tutti perché qui c’è un parco attaccanti di grande qualità ed è più semplice trovare l’intesa. Sono fiero di essere al Napoli

Punti alla classifica cannonieri?
Io punto a segnare più gol sarà possibile e che vinca la squadra. Ma il gol non è una priorità,ciò che conta è ottenere risultati

Hamsik

Nel modulo di Sarri che ruolo avrai?

Sarri mi sta provando come mezzala sia nel 4-3-1-2 che nel 4-3-3. Stiamo provando questa soluzione. Io sono un giocatore al auel piace giocare la palla e preferisco essere al centro del campo per poter gestire meglio il pallone“.

Cosa provi ad essere il capitano del Napoli?

Sento una grande responsabilità nel portare questa fascia. Il Napoli è diventato un Club di livello internazionale e mi auguro di poter vincere ancora tanto in azzurro. Sono qui da tanti anni, so di rappresentare un simbolo e questo mi dà tanta gioia

Cosa è mancato al Napoli l’anno scorso?
L’anno scorso ci è mancato poco per raggiungere traguardi. In Coppa abbiamo subìto un gol in fuorigioco di tre metri ed in campionato abbiamo perso la Champions per un rigore. E’ stata soprattutto questione di episodi. Quest’anno daremo tutto per fare meglio

Hamsik e il suo stop:  Ora mi sono fermato per un affaticamento muscolare, quando sarò pronto rientro. E’ brutto vedere i miei compagni allenarsi.”

I rigori?: Prima li tirava Cavani, oggi Higuain, poi si vedra’.

Continua Reina :“Il Napoli è una squadra che vuole stare in alto in classifica e deve difendersi bene, ma è un compito della squadra, non solo della difesa e del portiere.

Quando si difende insieme si subiscono meno gol. Sia Sarri che Benitez sono due bravi allenatori. Benitez ha vinto tanto, Sarri viene dalla gavetta e si sta facendo il nome. Spero faccia bene con noi. Vi promettiamo tanto lavoro e dedizione». (corrsport ndr)