Il Mattino: Higuain: voglio la Coppa

Urna benevola stavolta a Nyon.

Al Napoli in semifinale di Europa League tocca il Dnipro, sulla carta la più debole delle tre avversarie.

Higuain sogna la coppa. «Adesso puntiamo a vincere l’Europa League per regalare una gioia ai nostri grandi tifosi e per partecipare alla prossima Champions.

Il titolo di capocannoniere mi interessa meno, contano i risultati della squadra, certo se poi riuscissi a vincere anche quello…», le parole a caldo
dell’argentino al sito Uefa.com dopo il 2-2 al SanPaolo contro il Wolfsburg.

Un ostacolo alla volta, ovviamente. Benitez, l’uomo delle coppe, esperto delle insidie in campo internazionale dice:
«Quando arrivi a giocare una semifinale europea vuol dire che sei una squadra di livello internazionale e lo dimostrano le vittorie che il Dnipro ha ottenuto eliminando nell’ordine Olimpyakos, Ajax e il Club Brugge che fino alla partita di ritorno con gli ucraini era imbattuto».

Prima sfida al San Paolo il 7 maggio, ritorno a Kiev il 14.«Giocare la prima in casa per noi non cambia molto, l’abbiamo visto contro la Dinamo Mosca».

In generale, però, giocare la prima partita in trasferta è sempre preferibile e il Napoli lo ha dimostrato proprio contro Trabznospor e Wolsfburg ipotecando la qualificazione all’andata, con i trionfi per 4-0 in Turchia e per 4-1 in Germania. 

Il Dnipro, fin qui è stata una sorpresa, la vera sorpresa, anche se ha già una discreta esperienza europea.

Rafa potrà avvalersi dei suggerimenti di una spia d’eccezione: Strinic ha giocato con il Dnipro fino a dicembre partecipando anche all’Europa League; proprio per questo motivo il terzino non è nella lista Uefa del Napoli.