Higuain acclamato anche in Cina ma ora nel mirino c’è l’amico Rafael

    Higuain scopre di avere una certa popolarità anche in Cina: come lui anche Di Maria e Lamela. Messi accolto con una grande ovazione. 


     

    Marilyn Monroe sulla T-shirt bianca per ritrovare l’ispirazione e l’amichevole meno amichevole che c’è per non perdere la concentrazione in vista di Inter-Napoli: benvenuto in Cina, Gonzalo Higuain. E per la precisione nel mega caos di Pechino: è al cosiddetto Nido d’Uccello, addirittura famigerato per il popolo azzurro dopo la polemica notte di Supercoppa 2012, che domani il Pipita indosserà la maglia dell’Argentina per sfidare il Brasile (ore 14.05 italiane). La Seleçao del collega Rafael Cabral: un bel testacoda portiere-centravanti, non c’è che dire. Un test importante che accompagnerà Gonzalo al testa a testa importantissimo con Handanovic (e l’Inter): niente sconti alla ripresa, sarà caccia forsennata al primo gol in campionato. «Sto bene. Ma ovviamente sto meglio quando si vince». E allora, lo sbarco in Oriente. Trionfale sin dal momento dell’atterraggio: se Messi è stato accolto da un’autentica ovazione, Higuain – come riporta il Corriere dello Sport – ha scoperto di avere una certa popolarità tra i fan cinesi. E come lui anche Di Maria e Lamela. Già, niente male l’indice di gradimento del Pipita, però Martino, il Tata c.t., dopo il primo allenamento andato in scena ieri al centro Olimpico, non ha fatto trapelate neanche un’indicazione di formazione.