Hamšik tornerà sul campo dello Slovan da avversario!

    La Giornata 2 di UEFA Europa League sarà all’insegna dell’amarcord per il capitano dell’SSC Napoli Marek Hamšík e per il tecnico del VfL Borussia Mönchengladbach.

    Nel Gruppo I, Hamšík tornerà da avversario sul campo del club in cui è cresciuto, l’ŠK Slovan Bratislava, per poi trasferirsi al Brescia Calcio e da lì al Napoli, nel 2007. Serata di ricordi anche per Lucien Favre: il tecnico che nel 2005/06 ha regalato all’FC Zürich il primo titolo elvetico in 25 anni sfiderà la sua ex squadra in qualità di tecnico del Mönchengladbach nel Gruppo A.

    Gli amarcord non mancano neppure altrove: il difensore danese Simon Kjær affronterà il VfL Wolfsburg, sua ex squadra, con il LOSC Lille nel Gruppo H, mentre Balázs Dzsudzsák e Stanislav Manolev dell’FC Dinamo Moskva se la vedranno nel Gruppo E con il PSV Eindhoven, club nel quale entrambi hanno militato in passato. Occasione sfumata invece per Marcos Gullón nel Gruppo E: il giocatore dell’Apollon Limassol FC avrebbe sfidato il Villarreal CF, suo ex club, se il cartellino rosso rimediato alla Giornata 1 non lo avesse escluso dalla trasferta spagnola.

    Trabzonspor e Legia si sono affrontate la scorsa stagione

    Le gare del 2 ottobre metteranno di fronte anche club che sono già stati avversari in passato: il Feyenoord sfiderà l’R. Standard de Liège nel Gruppo G dopo il precedente in Coppa UEFA datato 1973/74, mentre il Torino FC affronterà l’FC København dopo averlo eliminato nei quarti di finale di Coppa UEFA nel 1991/92, la stagione in cui i Granata vennero sconfitti in finale dall’AFC Ajax.

    Tra le altre sfide non inedite spiccano Tottenham Hotspur FC – Beşiktaş JK e Trabzonspor AŞ – Legia Warszawa, queste ultime avversarie già la scorsa stagione. Il Celtic FC affronterà per la terza volta la GNK Dinamo Zagreb, mentre l’FC Dynamo Kyiv ospiterà l’FC Steaua Bucureşti dopo la sconfitta 4-1 subita nel 2006 in UEFA Champions League game. L’attuale assistente allenatore dello Steaua, Nicolae Dică, segnò due delle reti ospiti in quell’occasione, mentre per i padroni di casa andò a bersaglio l’attuale tecnico della Dynamo Serhiy Rebrov.

    Fonte: uefa.com