Slovan Bratislava-Napoli 0-2: Hamsik ‘ex’ letale, Higuain scaccia la crisi

    Hamsik 'Re' di Bratislava

    Il Napoli espugna il campo dello Slovan Bratislava con un goal per tempo: apre le danze l’ex Hamsik, poi il sigillo di Higuain.

    Il Napoli sbanca Bratislava con due lampi dei suoi fuoriclasse. Slovan battuto 2-0 dagli azzurri, a segno nel primo tempo col grande ex Hamsik e capace di chiuderla con Higuain che entra e dopo meno di un minuto raddoppia. Partenopei a punteggio pieno nel gruppo I di Europa League e crisi messa in un cassetto.

    RAFA ‘PREMIA’ DE GUZMAN E DUVAN – Benitez continua la rotazione degli uomini: Britos al posto di Albiol, riecco Maggio e Ghoulam sulle fasce, in mediana torna Inler al fianco di David Lopez mentre Callejon e Higuain rifiatano con Duvan terminale offensivo supportato dal trio De Guzman-Hamsik-Mertens. Nello Slovan Soumah è il riferimento in attacco con Kubik, Halenar e Peltier alle sue spalle.

    DOMINIO AZZURRO, MA STERILE – I partenopei sono fin dalle prime battute padroni del campo, anche se faticano a trovare i varchi giusti per colpire la disattenta retroguardia slovacca. Duvan si muove molto ma conclude poco, poi si accende Hamsik: il grande ex della sfida ci prova con una conclusione che però termina alta ma almeno scuote il Napoli. Non a caso, è proprio ‘Marekiaro’ poco dopo ad offire sui piedi di De Guzman un pallone ‘strozzato’ dall’olandese.

    SI ACCENDE MAREK E SON DOLORI – Ancora il numero 6 protagonista, ma in negativo: assist di Mertens e tiro dell’ex Swansea contrato dalla difesa dello Slovan. Alla mezz’ora sale nuovamente in cattedra Hamsik con una girata debole da dentro l’area, ma è il preludio al goal che giunge al 35′: lancio lungo di un ottimo Koulibaly, Pernis sbaglia il tempo dell’uscita e consente al capitano azzurro di incornare alle sue spalle per il vantaggio ospite. Lo Slovan non reagisce e per poco sia Mertens che Duvan non trovano il raddoppio, certificando il dominio partenopeo nei primi 45′.

    IL NAPOLI SPRECA, MILINKOVIC ‘MINA VAGANTE’ – La squadra di Benitez controlla il match forte del vantaggio, ma gli slovacchi hanno un moto d’orgoglio e vedono annullarsi una rete per netto fuorigioco a Cikos. Il neo entrato Milinkovic suona la riscossa e si rende pericoloso con un’inzuccata che fa la barba al palo.

    PIPITA IN CATTEDRA – Carbura finalmente nel match Mertens, che risponde con una splendida conclusione a giro che accarezza la traversa, poi fanno la loro comparsa Callejon e Higuain (fuori il ‘rebus’ De Guzman e l’ottimo Duvan) e il Napoli chiude i conti. Dopo un altro tentativo dello scatenato Milinkovic, al minuto 74 il ‘Pipita’ di testa sfrutta al meglio un cross al bacio di Hamsik e fa 2-0 a meno di 60 secondi dal suo ingresso. Lo Slovan ha un altro paio di chances col solito Milinkovic (uscita provvidenziale di Rafael e traversa su punizione), poi nient’altro. Gli azzurri strappano i tre punti e volano in testa al girone.

    goaldotcom