Hamsik e’ cambiato ora vuole Goal e prestazione

    Per Hamsik due indizi più un gol fanno almeno una prova.

    Se poi si aggiungono gli assist (uno e mezzo) più le belle giocate sfornate di continuo, allora il quadro è completo. Da Cesena nuove conferme: Marek Hamsik sta tornando. Il campione slovacco, finito nell’oblio da diversi mesi, passato da stella a comprimario, sembra aver ritrovato finalmente se stesso. Prime avvisaglie a Doha, con un primo tempo da fuoriclasse. E anche ieri, al “Manuzzi”, ha rispolverato i colpi del vecchio repertorio. Presente in ogni azione, in una sola parola partecipe. Il suo gol col dubbio lo vuole: aspetta la conferma della Lega Calcio dopo che qualche media ha sentenziato che fosse autorete di Capelli.

    Se prima si nascondeva, eludendo le responsabilità, scaricando sul compagno più vicino, ora si propone con inedito coraggio, si sbraccia, reclama il pallone, prima di trattarlo con dolcezze per servirlo ai compagni che, evidentemente , apprezzano e ringraziano sentitamente. Su tutti Higuain, pescato con un pallone di rara bellezza e precisione. Un’imbucata da campione, impreziosita dal dribbling dell’argentino, bravo poi a depositare la sfera in fondo al sacco. Per i compagni e anche per se.

    Cm.com