Goal.com: Higuain medita l’addio?

     

    Rafa Benitez accusa la squadra di non voler vincere, i tifosi assaltano il pullman e Higuain, adesso, pensare seriamente di lasciare Napoli?. Ci sono Arsenal e Liverpool.

    Analisi a cura della redazione di Goal.com

    La sconfitta subita sul campo dello Young Boys non poteva che lasciare pesanti strascichi in casa Napoli. Specie dopo le laconiche dichiarazioni del tecnico Benitez al termine della partita di Berna: “Ho l’impressione che a questa squadra manchi la voglia di vincere”. Non proprio un dettaglio, insomma.

    L’inizio di stagione, poi, boccia di fatto il calciomercato condotto dal Napoli. Se Michu e De Guzman sono stati fin qui quasi disastrosi anche Koulibaly e David Lopez non sembrano dei giocatori in grado di garantire il salto di qualità invocato da Benitez ma, soprattutto, dai tifosi.

    Tifosi che, per la prima volta negli ultimi dieci anni, a Berna hanno pesantemente contestato la squadra. Superando però il limite al momento della brutale aggressione nei confronti del pullman che trasportava i giocatori in aereoporto.

    Episodio, questo, che ovviamente ha spaventato gli azzurri. E non solo quelli presenti al momento del fattaccio. Tra i più scossi, infatti, ci sarebbe Gonzalo Higuain, ancora a secco in campionato, già deluso dalla mancata partecipazione alla Champions League e che nei prossimi mesi potrebbe seriamente pensare di cambiare aria. Con Arsenal e Liverpool particolarmente interessate.

    A seguirlo, peraltro, potrebbe essere presto anche l’amico Callejon, unica ancora di salvezza dell’attuale Napoli ma smanioso di misurarsi su palcoscenici più prestigiosi. E, soprattutto, voglioso di vincere qualcosa. Il tutto proprio mentre Rafa Benitez sembra destinato a giocarsi gli ultimi jolly a sua disposizione nelle prossime tre gare contro Verona, Atalanta e Roma.

    Nel caso in cui non dovessero arrivare i risultati sperati, e con un rinnovo di contratto che tarda ad arrivare, De Laurentiis potrebbe infatti decidere di procedere alla terapia d’urto, sollevando il tecnico dall’incarico e affidando la squadra ad un nuovo manico. E chissà che, magari, a questo Napoli non torni improvvisamente la voglia di vincere.