Genoa -Napoli: 12 considerazioni

12 Considerazioni “gemellate”

Il giornalista Luca Cirillo, ha pubbliccato 12 considerazioni su Genoa -Napoli:

1) Complimenti al Genoa: squadra attenta, diligente, ordinata, ben oleata. Se continua così, può dare filo da torcere a tutti. Almeno in casa. Perotti, giocatore molto interessante!

2) Hysaj e Callejon con le gomme lisce, Allan intermittente. Al Napoli è mancata questa benzina, o se volete diesel. L’impianto a gas asciuga troppa acqua.

3) Quando dico che Gabbiadini deve capire che è paradossalmente più importante di Higuain, non intendo che deve entrare e fare tutto da solo. La ruota di scorta serve a dare serenità sul lungo percorso. Stesso discorso, a rotazione, per Insigne e Mertens.


4) Reina è un mix tra Suv e una Jaguar: potenza ed eleganza.


5) Albiol straordinario, con Koulibaly forma ormai un ottimo sistema airbag.


6) Se si sostiene che la squadra di Sarri non ha alternative sufficienti tra difesa e centrocampo, è analizzare la realtà. L’acqua nel serbatoio è un’altra cosa. E qualche volta la mette chi meno te l’aspetti.


7) Ghoulam si aggiunge alla lista di coloro che non hanno sostituti all’altezza. Questo ragazzo non può correre sempre, gli serve un pit-stop.


8) Hamsik caro, fratello mio, questo vizio assurdo di ritardare il cambio d’olio te lo porti ormai dietro come marchio di fabbrica.


9) Higuain come tutte le super-lusso catalizza le maggiori attenzioni, e se è in affanno bisogna approfittare affondando le unghie nei vuoti che si generano con scooter veloci.


10) Tante le occasioni create, Napoli sprecone e sfortunato: la vittoria sarebbe stata meritata, ma il pareggio è un ottimo diluente per tenere pulito il motore. I problemi li conosciamo, sono ormai evidenti al pari dei pregi. Come dice Diego, da quando c’è De Laurentiis mancano sempre 5 centesimi per fare un euro. A gennaio vedremo se c’è l’intenzione di potenziare la vettura di Sarri.


11) De Laurentiis fa manovre spericolate quando apre bocca, e non deve esagerare. Rischia di finire fuori pista. Il Napoli ha storia e tradizione, con tutto il rispetto non ha preso una ape-car con i cocomeri da vendere.


12) Ora sotto con l’Udinese, testa bassa e pedalare. Acceleriamo!