GdS – Fia&Ferrari: altri medici per salvare Jules Bianchi

     

    L’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport dedica uno spazio a Jules Bianchi, pilota della Marussia coinvolto in un tremendo incidente in Giappone

     

    Ieri mattina dall’Italia è arrivato il professor Marco Cimatti, neurochirurgo del S. Andrea di Roma, che ha dato il cambio ad Andrea Frati, lo specialista inviato la scorsa settimana dalla Ferrari: entrambi riferiscono al professor Antonino Raco, primario del reparto di neurochirurgia dell’ospedale romano, consulente di MedEx (Medical Expertise), partner medico del Cavallino. E sempre ieri la Fia ha inviato qui Alain Chantegret, delegato medico federale per Fia Gt, Wtcc e Wec, anestesista rianimatore. Forse questo basterà a far tacere chi in questi giorni ha parlato di medici pronti a staccare la spina. Voci che hanno fatto arrabbiare la famiglia Bianchi.

     

    Sono tre i consulti che i genitori di Jules hanno quotidianamente con i dottori giapponesi, durante i quali si valuta la condizione di Jules e quelli che potrebbero essere i passi successivi. «Quando ho parlato con Saillant e Frati — rivela Philippe Bianchi, ho detto loro di pensare a Jules come se fosse loro figlio. Ho messo la sua vita nelle loro mani».