Gazzetta: Il Napoli omaggia Pino con 4 gol

Stavolta non ci sono state sorprese.

Nemmeno le statistiche hanno fermato il Napoli.

I numeri della vigilia avevano indicato, chiaramente, come il collettivo di Rafa Benitez soffrisse il complesso delle piccole. Troppi i punti lasciati in questa prima parte del campionato contro le formazioni di bassa classifica, risultati che hanno determinato quel notevole distacco da Juventus e Roma. Stavolta, però, il Napoli è stato cinico, forte del ritorno al gol di Josè Maria Callejon (in rete dopo 66 giorni) e della conferma di Gonzalo Higuain che, dopo la doppietta rifilata alla Juventus in Supercoppa, ne ha realizzata un’altra con altrettante prodezze.

Tre punti importanti, dunque, che i napoletani hanno aggiunto alla classifica grazie al maggiore potenziale tecnico che, alla fine, ha fatto la differenza vera. Poco ha potuto, il Cesena, nonostante un avvio grintoso e determinato: senza un finalizzatore e con poca qualità, la squadra di Mimmo Di Carlo s’è dovuta arrendere alla potenza dell’avversario. Suggestivo, invece, è stato il pregara, con il minuto di raccoglimento per la morte di Pino Daniele, ap+plaudito da tutto lo stadio, mentre gli altoparlanti trasmettevano «Quando », uno dei maggiori successi del cantautore napoletano