G.L. Di Marzio: ‘Talenti da Pallone d’Oro di oggi e per il futuro’

    C’è un pallone, tutto d’oro, che oggi avrà la sua bella lista di candidati. 23 nominati per un sogno: da CR7 che può ripetersi, ai tedeschi (Neuer, Müller) con un Mondiale vinto da presentare come biglietto da visita. 

    Ci sarà tempo per Pogba, che ieri ha firmato il suo nuovo contratto, d’oro, fino al 2019 e l’anno scorso si portò a casa quello per i giovani, di trofeo: golden boy d’Europa, miglior Under 21, Tuttosport a organizzare un premio molto atteso. 

    Chi l’erede? Gli italiani sono solo due, Berardi è Bernardeschi. B Factor. Bravi, belli, buoni abbastanza per crederci ma forse non ancora per vincere. Il talento del Sassuolo (metà Juve) deve migliorare nella continuità, eliminando i difetti caratteriali, il diamante grezzo viola ha bisogno di meno grilli per la testa e una stagione da vero protagonista. 

    Ecco perché il prescelto sarà quasi sicuramente straniero, forse adottato dalla nostra serie A. Kovacic ha tutto per esserlo, Keita e Coman ripassino invece quando saranno davvero pronti. E se non trionfa il croato dell’Inter? Sterling del Liverpool, perché no. Sta facendo meglio (molto meglio) di Balotelli, presto lo raggiungerà anche Origi tra i reds e una sorpresa potrebbe essere proprio il nazionale belga. 

    Nati nel 1994, nati sotto una buona stella: nella lista, ci sono anche Marquinhos e Markovic, Shaw e Januzaj, il contesissimo Rabiot e l’astro nascente Munir. Appuntamento alla serata di Gala, c’ero l’anno scorso. E ricordo Pogba sorridente ritirare il pallone piccolino, ma pensare già a quello più grande (sempre d’oro). Lo troveremo già oggi tra i magnifici 23. 

    Gianluca Di Marzio (giornalista Sky Sport e cm.com)