In Francia inventano la pizza Ibra, ma è una vera schifezza

Pizza ibra

La pizza Ibra  come direbbe  Dante Cruciani  alias Totò “come pizza…. è una vera schifezza.”. La pizza va fatta e mangiata solo a Napoli, abbiate pazienza ma non e’ assolutamente arte italiana figuriamoci estera, è e resta patrimonio della cucina napoletana.

Il nostro non è campanilismo ma rispetto per le papille gustative, il sapore, l’odore la qualità della pizza napoletana non ha eguali nel mondo, basta spostarsi poco da Napoli per trovare le prime differenze,  figuriamoci in Francia.

Proprio i francesi hanno voluto imitare i napoletani, dedicando un accozzaglia biscottata  allo svedese  Zlatan Ibrahimovic, la chiamano pizza ‘Zlatan’. Il novello Edison della cucina si chiama Philippe Kervella.

Pizza Ibra: gli ingredienti

Kervella  ha voluto omaggiare il fortissimo attaccante con questa pietanza a base di: kottbullar (letteralmente polpette di carne tipiche della cucina svedese), cipolla, patate, uovo fritto, pangrattato, mozzarella, pomodori tritati, crema con noce moscata, pepe, sale e zucchero. Tentando un opera di marketing per il suo ristorante ‘La Gwenaelle’ ubicato nei pressi del ritiro della Svezia

Il costo di questo obbrobrio culinario? ben  13,50 € con mal di pancia garantito.

la-pizza-ibra

Medico accusa: La Juventus ha dopato Ibrahimovic

Sette cose che non sai sulla Pizza napoletana