Focus: fuga dal San Paolo, erano 50 anni che non accadeva.

Napoli, fuga dallo stadio. Trentamila spettatori a gara: la media più bassa da mezzo secolo

Di Dario Sarnataro il mattino

 

Il minimo storico in gare internazionali, con 6490 spettatori, è solo la punta di un iceberg di un trend negativo sin dallo scorso settembre.

Il San Paolo sta vivendo una inattesa perdita della liturgia collettiva del calcio dall’inizio della stagione, con medie spettatori che sono largamente inferiori a quelle degli scorsi campionati e, in generale, dell’era De Laurentiis.

Il freddo, i prezzi e lo scarso appeal della partita con lo Slovan Bratislava giustificano in parte questa affluenza.

Meno legata a contingenze climatiche invece la media spettatori in serie A: meno di 30mila unità a gara, settimo in massima serie nella speciale graduatoria che vede al primo posto il Milan (con 47.422 di media). A seguire Roma, Juventus, Lazio e Inter ma anche la Fiorentina.

«I tifosi sono forse un po’ delusi dal mercato estivo e dalle dichiarazioni del presidente De Laurentiis che parlò apertamente di lotta per lo scudetto», spiega Saverio Passaretti, presidente dell’Ainc, l’Associazione italiana Napoli Club.