Figc, Tavecchio eletto

Figc, Tavecchio in lacrime: «Sarò il presidente di tutti»

l nuovo presidente della Figc: «Lo sarò soprattutto di quelli che hanno espresso il loro dissenso»

ROMA “Sarò il presidente di tutti soprattutto di quelli che hanno espresso il loro dissenso”: sono le prime parole di Carlo Tavecchio dopo l’elezione a presidente Figc:“Cercherò di migliorare il mio modo un po’ ruvido e poco glamour come qualcuno lo ha definito giustamente”, ha detto ringraziando tutti, in lacrime.
Col 63,63% dei votanti, Carlo Tavecchio è il nuovo presidente della Federazione italiana Gioco Calcio. Nato a Ponte Lambro il 13 luglio 1943, coniugato e con una figlia, è diplomato in ragioneria ed è stato dirigente bancario presso la Banca di Credito Cooperativo dell’Alta Brianza. A 33 anni diventa sindaco di Ponte Lambro, incarico che ricopre per 4 legislature di fila, mentre il suo primo approccio col calcio risale alla meta’ degli anni Settanta, quando diventa presidente della società dilettantistica della ASD Pontelambrese, che sotto la sua gestione arriva a disputare anche il campionato di Prima Categoria. Dal 1987 al 1992 è stato Consigliere del Comitato Regionale Lombardia, dal ’92 al ’96 è vicepresidente della Lega Nazionale Dilettanti, dal ’96 assume la guida del Comitato Regionale Lombardia mentre dal ’99 ricopre la carica di presidente della LND, con l’ultima conferma arrivata nel dicembre 2012. Nel maggio 2007 è eletto inoltre vicepresidente della Figc, mentre nel marzo 2009 viene eletto vicepresidente vicario della stessa Federazione.AGNELLI LASCIA L’ASSEMBLEA – Il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, non ha atteso nemmeno la fine della terza votazione per lasciare l’hotel Hilton di Roma Fiumicino dove si sta svolgendo l’assemblea elettiva per la presidenza della Figc. Lo stesso hanno fatto, dopo aver votato, molti altri delegati anche di società di primo piano.
corrsport