ESCLUSIVA – Max Esposito non si fida dell’Atalanta: “Match abbordabile solo sulla carta, occhio a Denis!”

L’ex jolly d’attacco di Napoli, Reggiana e Lazio in esclusiva ai nostri microfoni per parlare del team di Sarri e delle prossime partite

 

Dopo il pari di domenica contro la Roma, che ha lasciato l’amaro in bocca all’intero popolo di fede azzurra, il Napoli è pronto ad affrontare il doppio impegno in programma questa settimana. Gli uomini di Sarri, infatti, sfideranno domani sera a Fuorigrotta il Verona nella gara valevole per gli ottavi di Coppa Italia, mentre nel prossimo week end saranno ospiti dell’Atalanta.

La trasferta in terra orobica si è da sempre rivelata ostica per il club partenopeo ma, dopo due partite poco felici dal punto di vista del risultato, è tempo di tornare alla vittoria.

Per parlare dei prossimi match del team azzurro, è intervenuto ai nostri microfoni Massimiliano Esposito, ex fantasista del Napoli che può vantare 172 presenze in Serie A condite da 16 reti. Dotato di un estro notevole e grandi capacità balistiche, lo “scugnizzo” di Materdei ha fatto sognare il “San Paolo” grazie ad autentiche magie che l’hanno consacrato come uno dei napoletani più forti che abbiano giocato nella propria città d’origine.

Cosa è mancato agli azzurri per portare a casa il massimo risultato contro la Roma? “Solo un pizzico di fortuna, cattiveria agonistica e cinismo sottoporta. Non era semplice scardinare la difesa guidata da Manolas, dato che Garcia ha mandato in campo i suoi esclusivamente per difendersi”.

Domani arriva il Verona: Sarri opterà per il turnover? “Penso di si. In questo momento una adeguata turnazione può dare benefici a chi gioca poco e a chi ha sempre spinto sull’acceleratore. Ma non bisogna sottovalutare gli scaligeri, rivitalizzanti dal cambio di allenatore e pronti a dare il massimo contro di noi”.

Domenica ci aspetta l’Atalanta nella propria tana. Quali sono le insidie principali dell’incontro in programma allo stadio “Atleti Azzurri d’Italia”? “I bergamaschi hanno un allenatore con grande esperienza e i 24 punti accumulati fino ad oggi ne sono la dimostrazione più concreta. Contro il Napoli, però, dovranno fare a meno di diversi squalificati, quindi sulla carta può sembrare una partita abbordabile, ma bisognerà lottare su ogni pallone per riuscire a fare risultato. Sperando che la tappa di Bologna sia servita da lezione”.

In che modo Reja cercherà di limitare gli avanti napoletani? “Sicuramente proverà a chiudere gli spazi come ha fatto la Roma, quindi bisognerà pazientare nella ricerca del goal, ma allo stesso tempo dovranno sfruttare le poche o molte occasioni che si presenteranno durante la partita”.

Il calciatore che più teme tra i neroazzurri? “Sicuramente Denis, visto che l’argentino è un ex e tenterà in ogni modo di bucare la linea difensiva partenopea”.

Chi è la favorita per lo scudetto? “L’Inter ha buone possibilità di conquistare il titolo. E’ l’unica equipe che non è impegnata in ambito continentale e questo fattore inciderà alla lunga sulle forze psicofisiche da impiegare nel finale di stagione”.

Il suo saluto ai supporters azzurri? “Saluto tutto il popolo partenopeo e tutti i tifosi del Napoli con grande affetto, augurando loro un sereno Natale e un felice 2016. Max”.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA