ESCLUSIVA – Gigio Rosa già proiettato sul Frosinone: “Guai a sottovalutare i ciociari!”

Il noto conduttore napoletano rilascia importanti dichiarazioni in vista del match di domenica

 

Archiviata non senza patemi la battaglia agonistica andata in scena ieri sera contro un mai domo Torino, il Napoli è già concentrato sulla prossima sfida di campionato contro il Frosinone, team guidato dall’ex bomber partenopeo Roberto Stellone che tra le mura amiche esalta le proprie potenzialità.

In un “Matusa” a forti tinte azzurre, gli uomini di Sarri vorranno conquistare nuovamente i 3 punti per continuare a cullare il sogno del primo posto.

Per parlare dell’incontro in programma domenica alle 15,00 abbiamo contattato Gigio Rosa, conduttore di I Love Napoli su Radio Marte e del salotto calcistico televisivo San Paolo Show su TV Luna, oltre a seguirne la direzione artistica con la moglie Benedetta de Fabritiis.

Che insidie nasconde la prossima trasferta in Ciociaria? “Come ogni gara contro le cosiddette “piccole”, la mia paura da tifoso aumenta, nonostante il carattere e le prestazioni da big a cui ci stiamo ormai abituando. Sarri, uomo di grande intelligenza, lavora di psicologia partendo da molto lontano, ottenendo un ambiente che non si rilassa facilmente. Sono ancora troppo vicini gli errori da secondo tempo e, più in generale, con le provinciali. Il bello è che, complice anche la vicinanza geografica di Frosinone, ci sarà un pò di San Paolo al seguito degli azzurri, e questo sarà un valore aggiunto. A parte l’errore potenziale di sottovalutare il match, non credo che il Napoli debba temere qualcuno in tutta la Serie A”.

L’attaccante gialloblu che potrebbe dare maggior fastidio alla retroguardia guidata da Koulibaly? “Il Frosinone è una squadra che si chiuderà in difesa a caccia di un pareggio o comunque nel tentativo di limitare i danni. La nostra retroguardia dovrà preoccuparsi di non scoprirsi mai e non lasciare alcuno spiraglio a Dionisi, velocissimo e Ciofani che lo appoggia. Ma tutto sommato: di cosa dovremmo preoccuparci?”.

Che tipo di match si aspetta dagli uomini di Sarri? “Il tecnico toscano affronterà il Frosinone come qualsiasi altra squadra da battere a tutti i costi. È chiaro che poi, in base all’evolversi della partita, si regolerà di conseguenza. Mi aspetto inserimenti inediti o quasi, ma solo dal secondo tempo in poi. Contro il Torino, Chalobah ha di nuovo dimostrato valore e Sarri dovrà tenerne conto. Credo comunque che il Napoli tenterà di chiudere la partita già nel primo tempo, con relativo arrembaggio iniziale”.

Il suo pronostico? “Non potrei fare un pronostico di una gara contro la terzultima in campionato: sarebbe francamente inelegante. Piuttosto, l’ultima giornata del girone di andata, sarà una cruciale: Inter, Fiorentina e Juventus non avranno di fronte avversari semplici, anzi, e il Napoli dovrà cercare la vittoria a tutti i costi, sperando di approfittare di qualche passo falso”.

Il suo saluto al popolo partenopeo? “Un abbraccio, con il solito amore e la solita passione, ad un popolo di tifosi e ad una città che meritano di essere una big mondiale, per il calcio e per il turismo. Un giorno all’improvviso? No, sono nato già innamorato della mia città, ma quel coro ormai è nel nostro sangue e piango quando tutti lo cantano. Spero che la ritrovata vicinanza della squadra ai tifosi, festeggiamenti sotto la curva compresi, diventi sempre più forte. Aprire ai tifosi qualche seduta di allenamento, magari al San Paolo, farebbe molto bene a tutti. Sempre forza Napoli e… AdremevuJ!”.

RIPRODUZIONE RISERVATA