Escclusiva Carmando: “per vincere ci vogliono grandi giocatori e un grande gruppo”

Salvatore Carmando

CARMANDO A NsN

A Bologna presso il Macron store, in collaborazione con il Club Napoli Bologna, l’ex massaggiatore del Napoli, in compagnia di Nando De Napoli e Renato Camaggio, ha presentato il suo libro: “LE MANI SU D10S”.

Salvatore Carmando parla in esclusiva a Napoletanosinasce.com:

Di: Maurizio Criscitelli

Come è nata l’idea di scrivere la tua biografia?

“E’ da tanti anni che desideravo farlo, finalmente oggi ci sono riuscito, insieme a Renato Camaggio, ci tenevo tanto a raccontare i miei tanti anni passati negli spogliatoi.

La cosa più bella è l’apprezzamento da parte dei tifosi, il mio libro sta suscitando interesse e curiosità!”

Che ricordo hai delle due curve del San Paolo?

“Ricordo, che appena passavo dalla curva A a quella B, si alzava sempre il coro “carmando uno di noi” una sensazione che non ho mai più provato, mi commuovo solo al ricordo. Mi sento molto vicino alle 2 Curve, perché’ mi hanno aiutato tante volte. Credetemi se vi dico che gli voglio molto bene.”

I due presidenti con i quali hai lavorato: il calcio di Ferlaino e quello di De Laurentiis.

“Premetto, questo calcio non mi piace, preferisco il calcio di allora. Perché’ prima c’era veramente il cuore delle persone, oggi invece è tutto più distaccato.”

Cosa ne pensi del Napoli che sta nascendo?

“Sono un po’ perplesso, l’allenatore è bravo, cosa dire se il presidente vuole una squadra di soli Italiani, speriamo abbia ragione, se ci qualifichiamo 3 o 4, vorrà dire che ha vinto De Laurentiis. Se arriva 7-8 hanno perso prima i tifosi.”

Cosa ci vuole per vincere lo scudetto?

“Ci vogliono i grandi big, ma prima di tutto ci vuole: lo spogliatoio, i grandi giocatori e un grande gruppo. Se c’è il grande gruppo si vince sempre.”

Un saluto a tutti i lettori di Napoletanosinasce.

© RIPRODUZIONE RISERVATA