Eins, Zwei, Drei, Vier: uno, due, tre e quattro.

    Eins, Zwei, Drei, Vier: uno, due, tre e quattro.

    di Giuseppe Libertino
    Quattro colpi del Napoli per far rintanare i lupi verdi del Wolfsburg nelle tane tedesche. I lupi ballano col Napoli. De Laurentiis pronto cinematograficamente al sequel degli anni ’90 targato Kevin Costner. Benitez gode, i ragazzi pure.
    È stato il ritiro ‘monacale’ in quel di Castel Volturno? Il turn over scientifico di Rafa che ha portato la squadra fresca e concentrata a questo appuntamento? La fortuna che è venuta in soccorso degli azzurri nei momenti difficili della gara nella Volkswagen-Arena? La buona sorte che ha portato al goal Higuain (settimo in EL) e Hamsik che stentavano negli ultimi tempi?
    Tanti interrogativi, una sola risposta: il Napoli ha dominato stasera. Wolf sopravvalutato? Chissà, ma sicuramente surclassato dalla voglia e l’aggressività dei partenopei.
    Con Hamsik stellare questa sera in Bassa Sassonia. Che mistero questo Napoli. Vince per la prima volta in Germania con i padroni di casa che frenano la maratona di risultati utili.
    Nelle ultime 23 gare: una sola sconfitta e 9 vittorie consecutive. Hanno perso col Napoli. Incredibile. La squadra sofferente in Italia con il mister sulla graticola per la maggior parte di tifosi, stampa, opinionisti ed ex allenatori e i calciatori distratti dallo sfogo del padrone e dalla partenza dei big verso terre di vittoria.
    La forza del gruppo stende i cattivi pensieri. Due gare che cancellano il periodo buio: tre goals alla Fiorentina e quattro al Wolfsburg. Che strano il pallone, che mistero questo Napoli. Che bello il Napoli di questa sera.
    Una settimana e si rigiocherà nella tana di Fuorigrotta con gli azzurri in semifinale, scriviamolo e diciamolo di Europa League.
    Il Napoli sembra avere un piano preciso: vincere questa benedetta coppa.