Ecco le parole di Sarri: Noi di NSN non partecipiamo agli scioperi di cartone

    NsN non partecipa a nessuno sciopero della notizia.

    Di : Francesco Pollasto

    E’ noto che Napoletanosinasce, non ha nulla a che vedere con gli altri giornali online, lo diciamo e dimostriamo da sempre.

    Questo non significa che siamo migliori, o peggiori, significa semplicemente che siamo coerenti con la nostra filosofia.

    Questa redazione ha accolto in maniera positiva la decisione di interdire ai siti, la conferenza stampa di Sarri.

    Il concetto di ADL in se è sbagliato, ma in questo contesto è perfetto.

    Non partecipiamo a scioperi!  Quando si è trattato di avere rispetto, lo abbiamo dimostrato con i fatti, come nel caso della morte di Pino o Ciro, NSN ha chiuso, senza se e senza ma, mentre altri, facevano live, di funerali etc.

    Non ci accomuna nulla, siamo diametralmente opposti, non so se siamo migliori o peggiori, ma sta di fatto, che abbiamo rispetto di chi ci legge, e mai forniremo un solo titolo ingannevole, ne uno scoop basato su una foto tratta da Facebook.

    la liberta’ d’informazione  va rispettata ogni giorno da TUTTI, non si invoca solatanto quando uan questione  non ci trova d’accordo.

    Non ce ne “fotte” niente di loro! Sia chiaro, non ci interessa entrare in nessun contesto, anzi speriamo che il presidente, riveda anche la distribuzione degli accrediti!

    I selfie in tribuna stampa,  non  rappresentano, certamente il cronista!

    Se i siti  che gravitano intorno al Napoli si sentono veramente giornali on line cominciassero ad attuare una politica del lavoro consona all’ operato dei redattori.

    RIBADIAMO LA NOSTRA VICINANZA E SOSTEGNO A QUEI POCHI PROFESSIONISTI, IMPEGNATI SERIAMENTE OGNI GIORNO AL SERVIZIO DEI LETTORI.

    Per Tanto, ECCO LE PAROLE DI SARRI AL CORRIERE DELLO SPORT:

    Il primo giorno di scuola è sempre emozionante. Lo è stato in particolar modo per Maurizio Sarri, che oggi ha conosciuto la squadra a Castelvolturno: “L’atmosfera è da primo giorno, c’è un po’ di emozione, soprattutto da parte mia – dice il nuovo tecnico del Napoli a Radio Kiss Kiss -. De Laurentiis forse mi ha fatto troppi complimenti davanti alla squadra, questo mi ha fatto particolarmente piacere”. 

    4-3-1-2 o 4-3-3“In questo momento è ipotizzabile il modulo a tre punte, ma dipenderà molto dal mercato e da quella che sarà la rosa a disposizione. Abbiamo Callejon, Insigne, Mertens, la proveremo già da oggi. Mi sembra normale comunque lasciare aperte varie possibilità”.

    HIGUAIN –  “E’ al centro del progetto, è un giocatore forte ed eclettico, è uno che ha grandissime capacità nel dialogare con i compagni d’attacco. Fino a questo momento secondo me non ha espresso tutte le sue qualità, ha ancora margini di miglioramento. Spero veramente di tirare fuori da lui qualcosa in più”.

    VALDIFIORI –  “Molto probabilmente sarebbe a Napoli anche con un altro allenatore, il club lo stava già seguendo da tempo. E’ un giocatore che può velocizzare la crescita della squadra con il mio modulo. Sono molto contento che sia rimasto Jorginho, ci darà una grande mano, ho parlato con lui ed è convintissimo nel giocare centrale di un centrocampo a tre. Ancora non si è espresso ai suoi livelli”.

    REINA –  “Ho una stima immensa di lui. Ho parlato con lui circa un quarto d’ora. Mi sembra una grande persona, intelligente, schietto, con lui si può avere anche uno scontro, ma mi ha dato l’impressione di un uomo di grande lealtà”.

    ALLAN –  “Giocatore importante, che ha grande dinamismo e ottime qualità. E’ un giocatore completo, ma non mi piace parlare di mercato, m’annoia, quindi mi fermo qui, davvero non riesco ad appassionarmi. Ho grande fiducia nell’operato di Giuntoli e della società”.

    PEROTTI –  “Mi ha fatto una grande impressione, molto tecnico e abbastanza veloce: è in grado di spezzare in due la partita”.

    EKDAL – “Ragazzo interessante. Ho parlato con Giuntoli delle caratteristiche dei giocatori che mi piacerebbe avere: nomi ne sono stati fatti pochi. Mi fido di lui, lo conosco da tanti anni”.

    MESSAGGIO AI TIFOSI – “Mi voglio approcciare a questa avvnetura in maniera assolutamente umile come giusto che sia per uno che arriva da un livello inferiore. L’altro messaggio è quello dell’impegno. Non so quanto sarò bravo ad allenare una squadra di questo livello, ma ci metterò il massimo. Questo lo posso promettere”.