Dumitru, prodezze e primato in Grecia. L’agente: “Ora è un giocatore diverso”

     

    Come Nike, la dea della vittoria. Ripartire dalla Grecia, per tornare in Italia a testa alta. Ha appena 22 anni Nicolao Dumitru, ma un curriculum da veterano. Una carriera cominciata prestissimo: come promessa del calcio. Numeri da fenomeno e potenza fisica, già quando era minorenne. Talento esploso nell’Empoli, poi acquisito dal Napoli.

     

    In azzurro non è stato facile mettersi in evidenza, ma il club di De Laurentiis ha sempre creduto in lui: tanti prestiti (Ternana, Cittadella e Reggina) e un rendimento non sempre costante anche in Serie B. Ma il ds azzurro Bigon non ha mai avuto dubbi su di lui: due rinnovi firmati, di cui l’ultimo poche settimane fa, e il ritiro quest’anno con Benitez.

     

    In agosto è arrivata l’opportunità: il prestito al Veria, Serie A greca, la Super League. La prima chance all’estero, forse l’ultima occasione. Quella che Nicolao Dumitru non si è lasciato sfuggire. Due partite, due vittorie e due gol in questo avvio di stagione. La sua nuova squadra è prima, lui subito idolo dei tifosi. Due reti di spessore, più un assist. Finalmente l’occasione giusta per dimostrare di essere un grande giocatore: “È il momento più opportuno per dare una svolta e Nicolao lo sa  – afferma a gianlucadimarzio.com il suo agente, Luca Puccinelli. È felice di questa nuova esperienza, ora si sente cambiato. Pur ancora giovanissimo, è un calciatore molto più maturo”.

     

    Il Napoli ha sempre creduto fermamente in lui, ma in Serie B ha faticato ad affermarsi. “Il campionato cadetto è molto più difficile di quanto si pensi. Non è stato facile per lui, ma il suo club ci ha sempre creduto e la Serie B è stata fonte di grande esperienza. È un attaccante di grande talento, doti fisiche e tecniche fuori dal comune. Il campionato greco l’occasione giusta. Ci è arrivato da giocatore maturo, cambiato rispetto al passato. Sono sicuro che saprà farsi valere e tornare in Italia da protagonista”. Benitez lo ha osservato a Dimaro: super gol in amichevole. “Il tecnico ha avuto la possibilità di conoscerlo e di seguirlo. Il club ha deciso di mandarlo a giocare, ed è stata la scelta più giusta. Nicolao deve lavorare sodo e trovare la sua dimensione in un torneo di prestigio”.

     

    Già idolo per i tifosi del Veria. E la Serie A lo aspetta… “Sta avendo la possibilità di dimostrare che tipo di giocatore è, ma non solo dal punto di vista tecnico. Ora è un calciatore diverso: la fiducia nel Napoli è importante. Nel primo anno con Mazzarri Dumitru provò a ritagliarsi qualche spazio, poi i prestiti, a partire da Empoli dove era esploso. Lì non si è espresso secondo le aspettative, ma gli anni difficili gli sono ugualmente serviti. Ed ora la Serie A greca è la dimensione giusta. Parliamo di un attaccante che veniva considerato tra i giovani più forti in assoluto, ha tutto il tempo per dimostrare che chi lo scelse non sbagliava”. Prodezze greche per diventare finalmente il campione che il Napoli aspetta: Dumitru sta mantenendo la promessa. La Serie A già lo attende.

     

    gianlucadimarzio.com