Dopo i crocefissi via dalle scuole, pure la chiesa esce dal centro del villaggio

    Dopo i crocefissi via dalle scuole, pure la chiesa che esce dal centro del villaggio: non c’è più religione.

    Dopo la pessima figura di Barcellona , la Roma ne rimedia un altra in casa, e pensare che il “vate” Francese aveva promesso una Roma fatta di guerrieri.

    Reja, Gomez e Denis non hanno avuto pietà, demoliti sotto tutti i punti di vista.

     Reja commenta la partita :

    reja

    “Nel primo tempo siamo stati bravi, li abbiamo chiusi molto alti, abbiamo aggredito la loro costruzione di gioco e poi siamo ripartiti così come avevamo preparato la gara”

    “Noi abbiamo dei meccanismi che quando la squadra li mette in atto riusciamo a mettere in difficoltà chiunque. Sul piano della condizione, secondo me, eravamo superiori e la Roma non mi è sembrata una squadra debole dal punto di vista fisico.

    Però noi abbiamo fatto la gara che dovevamo fare, abbiamo fatto un’ottima prestazione anche dal punto di vista tecnico e li abbiamo messi in difficoltà e il risultato ci sta un po’ stretto, potevamo fare anche il terzo gol”.

    Anche De Rossi e Garcia hanno rilasciato dei commenti a fine gara:

    «È un momento così – dice il centrocampista ai microfoni Sky – il risultato di Barcellona  ci ha de rossilasciato un po’ di tranbusto in testa. Analizzare tutti gli errori di oggi, ora non sarebbe produttivo, bisogna pensare a fare bene la prossima partita. L’anno scorso siamo riusciti ad uscire da una situazione complicata conquistando il secondo posto. Dobbiamo fare la stessa cosa anche quest’anno».

    «Non abbiamo fatto una grande partita – riconosce il tecnico a SkySport – è solo colpa nostra, non abbiamo avuto un atteggiamento di conquista che dovevamo avere.

    Roma's coach Rudi Garcia during the Serie A soccer match a.s. Roma - Atalanta Bergamasca Calcio at Olimpico Stadium in Rome, 29 November 2015. ANSA/CLAUDIO PERI

    « Abbiamo lasciato l’Atalanta giocare al proprio ritmo. Su tutti i piani c’è poco da salvare, bisogna essere tutti uniti e con la coesione giusta, dobbiamo dimostrare di essere in grado di tornare alla vittoria. Se c’è il rischio che, come l’anno scorso, la squadra paghi la batosta in Champions League? Io penso di no, lo dimostreremo con i risultati vincendo di nuovo subito e qualificandoci per la Champions League. Dobbiamo recuperare infortunati, tornare a difendere tutti insieme e fare gol».