Don Rafael e il Segreto

    Don Rafael e il Segreto

    Di : Roberto Sdino

    Ormai la telenovelas cominciata, in questa metà della stagione, sembra arrivare ad un epilogo, il titolo ovviamente non può essere che “Don Rafael e Il Segreto”
    Beh, adesso proviamo a far un riassuntino delle puntate precedenti, e magari proviamo a capirci qualcosa.

    Sappiamo bene, che Don rafael ormai già da un anno all’ombra del Vesuvio, li in Terrae Felix, cercava garanzie per poter portare trofei e blasoni alla compagine azzurra.
    Ben note erano le idee sui calciatori da lui scelti, come ben nota era l’idea opposta del Presidente/imprenditor/ Aurelio, il quale vuol spender poco, investendo altrettanto.

    Tra le due campane in suono un povero Bigon cerca di accontentar l’uno e l’alro, portando cavalli acerbi alle stalle dello spagnolo, che questi utilizza pure, ma con poco rendimento.
    Don Rafael si sa, è un maestro d’orchestra, ottimo e superlativo, ma i suonatori di band non sempre sono orchestrali… E allora ecco che arrivano le figuracce, complice anche qualche sua defaiance.

    Il patron Aurelio, dal canto suo, cerca in altri luoghi qualcuno che potrebbe sostituire a fine anno il direttore d’orchestra, le occhiatine al grintoso Mihailovic, da scippare al patron della Sampedeoriaaa suo contendente anche in altri affari, tal senhor Ferrero, ma prima ancora il buon Aurelio forse incassa i no del partenopeo Montella, e intanto vicende calcistiche e non si susseguono nella “fazenda azzurra”.

    Il buon Bigon finalmente riesce a scippar un nome prospettico ma concreto, da portar nell’orchestra azzurra, ovvero, il buon Manolo, che inseme a Lorenzo el Pequeno e qualche altro nome cominciano a far girare l’orchestra in qualche modo.

    Ma tutto si rovescia in alcune gare poco azzeccate, e il patron azzurro rinchiude tutti in ritiro, la cosa non va giù a molti, Don Rafael in primis, per non parlare di Don Gonzalo e Don Josè Maria.
    Intanto il procuratore del direttore d’orchesta panciuto arriva alla corte di Don Aurelio e si parla di futuro… chissà che accordi, chissà perché l’annuncio della prolungata permanenza di Don Rafael slitta sempre?

    Chissà perché spunta proprio adesso don  Perez, il qual vuol portar in sponda Real Madrid, Don Benitez?

    E chissà perché tra i tanti nomi per sostituire l’ottimo don Rafael adesso spunta quello dell’ ex, el senhor di san Lorenzo, don Walter Mazzarri?

    Tutto questo avrà una risposta certa nei prossimi giorni, intanto godiamoci le prossime puntate di Don Rafael e il Segreto.