De Laurentiis e i magnifici 6 allenatori: storie, anedotti e cuorisità

De Laurentiis e i magnifici 6 allenatori

De Laurentiis e i magnifici 6 allenatori

Il Roma oggi, riporta un bellissimo articolo ad opera  del giornalista  Gaetano Brunetti. Un viaggio nella storia recente del Napoli  dove si racconta De Laurentiis e i magnifici 6 allenatori.

Aurelio De Laurentiis sottolinea spesso di essere un monogamo, nel calcio come nel cinema, usando un eufemismo si potrebbe definirlo un vero e proprio abitudinario, affezionato ai suoi uomini di fiducia. Christian De Sica potrebbe dire tante cose, insieme a Boldi, sul modo di agire del presidente azzurro. Nel corso della sua esperienza alla guida del Napoli, ha cambiato pochi allenatori, così come attori e registi nelle sue produzioni artistiche.

De Laurentiis e i magnifici 6 allenatori: le storie

Il primo coach del suo Napoli è stato Giampiero Ventura, in realtà il numero uno della Filmauro contattò Giovanni Vavassori per affidargli la guida tecnica della neonata Napoli Soccer, poi l’arrivo di Pierpaolo Marino portò al cambio di strategia e alla venuta dell’ex tecnico del Torino. Memorabile la conferenza stampa di presentazione all’Hotel Excelsior sul lungomare, dove i tre protagonisti del nuovo Napoli post fallimento apparvero emozionati ma già con le idee chiarissime. Il tecnico ligure si adattò subito e fece di necessità virtù, visto che a quella squadra mancava persino una sede, un campo d’allenamento ed i famosi palloni furono portati a Paestum dal massaggiatore Carmando. Berrettoni, Corrent, Machado Toledo, Varricchio, Belardi, Corneliusson, sembrano passati tanti lustri guardando i nomi dei calciatori azzurri di oggi, invece proprio loro gettarono le basi per la risalita nel gotha del calcio europeo, dove risiede stabilmente il Napoli, da 7 anni a questa parte. Indimenticabile l’esordio al San Paolo contro il Cittadella, quella partita finì 3-3 con i 60.000 in solluchero per la rinascita del calcio napoletano. L’epilogo di Ventura col sodalizio azzurro non fu dei migliori, visto che il tecnico ligure venne esonerato dopo uno scialbo pareggio in casa con la Fermana. De Laurentiis optò per il cambio alla guida tecnica per dare una scossa alla squadra, di certo le responsabilità del cammino a rilento del nuovo Napoli non furono di Ventura, che usò belle parole al momento dei saluti, ma di una Società, che solo col tempo è riuscita a stabilizzarsi e trovare la quadratura del cerchio nel panorama calcistico nazionale.

Edy Reja, è stato il secondo allenatore del Napoli di De Laurentiis, ma il capolavoro primo dell’opera azzurra. Fu subito amore a prima vista con il tecnico friulano, che col suo calcio semplice e all’italiana, riuscì a portare la squadra, lasciata da Ventura, in finale play off persa amaramente ad Avellino, nella gara di ritorno, dopo lo 0-0 dell’andata al San Paolo. Certamente era un altro Napoli, rinforzato dal mercato di gennaio, che gettò le basi per la successiva stagione da protagonista. Gli azzurri di Reja, infatti, conquistarono la serie B contro il Perugia al San Paolo dopo una cavalcata da record nell’inferno della C1. Era il sabato di Pasqua del 2006, sugli spalti del San Paolo si pianse di gioia per la promozione tra i cadetti che rilanciò i sogni di gloria della resuscitata società azzurra. L’anno dopo il cammino fu ancora più brillante, nel campionato di Serie B 2006/2007, gli azzurri si ritrovarono a gareggiare con la Juventus post Calciopoli, una vera e propria balena nell’acquario, volendo usare la famosa metafora dell’allora dg Marino. Nonostante tutto, il 10 giugno, a Genova, contro i cugini rossoblù, si festeggiò all’unisono, la promozione in Serie A più bella che la storia del calcio ricordi. Reja venne portato in trionfo ma lui, hombre vertical, insaziabile e affamato, riuscì a portare l’anno dopo la squadra in Coppa Uefa attraverso l’Intertoto. Memorabili le partite col Benfica di Suazo e Luisao che spensero i primi sogni di gloria europei allo stadio Da Luz. L’epopea “rejana” culminò l’anno dopo, marzo 2009, dopo una serie di risultati scialbi, Aurelio De Laurentiis decide di esonerare l’allenatore – seppur controvoglia – per dare un ulteriore segnale psicologico alla squadra, affidando la panchina a Roberto Donadoni, dopo l’avventura alla guida della Nazionale italiana. Reja resta l’allenatore a cui il pubblico di Napoli sarà perennemente grato, “l’uomo di fiducia e di famiglia”, che tanto ha dato alla causa, come sostenne il presidente azzurro al momento dei saluti.

Roberto Donadoni arrivò al Napoli, dopo la brillante avventura da ct della nazionale italiana, post Mondiale 2006. Il sergente scuola Milan, portò in quel di Castel Volturno un bel carico di idee, ma soprattutto nuove regole; che non lo aiutarono nella gestione del gruppo a stampo sudamericano. De Laurentiis rimase folgorato anni prima dall’uomo Donadoni, durante un incontro avvenuto per caso “nel palazzo della zia” del presidente, che abitava nello stesso stabile dell’ex calciatore del Milan. L’avventura napoletana non fu delle migliori, sotto la sua guida, nelle restanti 11 partite di campionato il Napoli raccolse 11 punti, chiudendo la stagione al 12º posto con 46 punti. La stagione successiva non migliorò, dopo un mercato faraonico, nelle prime sette partite del campionato 2009-2010 conquistò soltanto 7 punti, risultati che costrinsero ancora una volta De Laurentiis al cambio della guida tecnica.

L’esuberante produttore cinematografico affida la panchina a Walter Mazzarri, che aveva allenato il Napoli già nel 1998 come vice di Renzo Ulivieri. Il tecnico toscano proveniente dalla Sampdoria, subito fa vedere di che pasta è fatto, inanellando una serie di vittorie contro le big del campionato italiano. Memorabile il 2-2 contro il Milan raggiunto oltre il novantesimo, per non parlare della vittoria di Firenze e il leggendario trionfo dello Stadio Olimpico di Torino contro la Juventus. Il suo Napoli racimola punti e scala posizione, alla fine del primo anno si piazza sesto conquistando una storica qualificazione in Europa League. L’anno successivo va ancora meglio con l’exploit del Matador Cavani e la nascita del trio delle meraviglie completato da Lavezzi e Hamsik. Gli azzurri, sorprendentemente, contendono il titolo al Milan fino alla sfortunata partita di San Siro persa malamente contro i rossoneri. L’anno dopo, nel 2012, arriva il primo titolo dell’era De Laurentiis, il 20 maggio 2012, a Roma, l’armata di Mazzarri riesce a battere la Juve dei record di Conte portando al San Paolo lo storico trofeo. L’anno dopo, il toscano, saluta la città lasciando la squadra al secondo posto dietro i bianconeri, con un bel carico di giocatori rivalutati e i gironi Champions come ciliegina sulla torta. ADL avrebbe voluto la conferma del tecnico delle straordinarie notti Champions, ma lui scelse di lasciare dopo annate dispendiose, e si mise in cerca di nuovi stimoli; che troverà poi a Milano con la nuova Inter dell’indonesiano Thohir.

Mai toccare l’orgoglio di un uomo tutto d’un pezzo come De Laurentiis, che un po’ contrariato dal rifiuto di Mazzarri si reca a Londra, sponda Chelsea, e porta in azzurro Rafa Benitez, che aveva appena riposto l’Europa League sullo scaffale dei trofei blues. L’allenatore spagnolo porta con sé una nuova energia e tanti campioni di livello europeo, nell’estate 2013 arrivano Reina, Albiol, Callejon, Mertens e Gonzalo Gerardo Higuain che aveva il compito arduo di far dimenticare le gesta di Cavani nella mente dei tifosi azzurri. Il primo anno culminò con il terzo posto in campionato e il record di punti, gol e vittorie esterne della storia azzurra fino a quel momento, più la Coppa Italia vinta a Roma contro la Fiorentina in quel “nefasto” 3 maggio 2014. In Champions tante belle vittorie ma retrocessione in Europa League per differenza reti nonostante gli storici 12 punti e le prestazioni da big europea. L’anno successivo si apre con l’eliminazione al preliminare di Champions contro il Bilbao, con una squadra non rinforzata nei ruoli chiave e con tanti reduci dal Mondiale brasiliano. Nonostante tutto in campionato, le cose vanno abbastanza bene, a dicembre in quel di Doha arriva la storica Supercoppa vinta ai danni della Juventus di Allegri. Mentre in Europa League si raggiunge la semifinale, persa sfortunatamente col Dnipro, anche a causa, di guardalinee miopi, che convalidarono un gol in evidente fuorigioco agli ucraini; segnando negativamente anche la sfida del ritorno che eliminò gli azzurri dopo una prestazione anonima. Il campionato finisce peggio col quinto posto finale, che sarebbe diventato terzo se la squadra non avesse fallito il match ball finale contro la Lazio al San Paolo.

Il resto è storia recente, una volta salutato il tecnico madrileno che vola al Real, De Laurentiis sorprende tutti ingaggiando Maurizio Sarri, allenatore meno quotato, che tanto bene aveva fatto ad Empoli. L’allenatore di Figline Valdarno nativo di Bagnoli, porta con sé una idea di calcio affascinante e uno spirito tutto suo che subito fa presa sui campioni in rosa. Ritorna alla casa madre anche Pepe Reina, che diventa fin da subito allenatore in campo e deus ex machina del nuovo Napoli a matrice Sarriana. I risultati inizialmente tardano ad arrivare, ma dopo qualche briefing e confronto con la squadra, il tecnico decide, umilmente, di cambiare l’assetto tattico, passando dal suo 4-3-1-2 al più adatto 4-3-3. I risultati sono sotto gli occhi di tutti, con il Brugge al San Paolo arriva la prima delle tante cinquine messe al segno dal Napoli durante la stagione. Gli uomini di Sarri racimolano record e risultati fino a contendere, sorprendentemente, il titolo a squadre più attrezzate, partite col favore del pronostico. La cavalcata si ferma a Torino, dopo l’1-0 di Zaza, il Napoli di Sarri non è più riuscito a tenere il passo della vecchia Signora ma ha continuato a vincere e segnare record su record a suon di gol e bel gioco. La stagione si è chiusa con la qualificazione ai gironi di Champions e il gol meraviglia di Higuaìn al Frosinone. In questi giorni è arrivato anche il rinnovo del tecnico, che sarà un punto fermo, alla guida della squadra per i prossimi anni. Sperando siano forieri di vittorie, bel gioco – che ha deliziato l’Europa intera – e pure qualche trofeo in più.