De Laurentiis: “La Gazzetta dello Sport’ insiste nel voler fare una campagna contro di noi.”

«Rinnovo Higuain? Nessun problema, ci rivedremo. Vedrete che stagione che farà Insigne! Maksimovic lo stiamo seguendo»

De Laurentis su sky ha parlato di tutto, incluso il mercato:

Aurelio De Laurentiiis promuove alla grande il nuovo corso Napoli targato Sarri e nel farlo indirettamente rivaluta Walter Mazzarri mandando nel contempo una ‘cartolina’ a Rafa Benitez, al quale fischieranno le orecchie:

” Ho visto la squadra carica a pallettoni, non lavoravamo in maniera così intensa e pesante dai tempi di Mazzarri . Sarri è un martellatore, estremamente garbato ma risoluto, tutti gli vogliono bene”, è la sentenza del presidente azzurro a ‘Sky’.

Il presidente del club azzurro stasera sarà in Portogallo a seguire l’amichevole della squadra di Sarri contro i Dragones, un test importante per capire a che punto è il nuovo Napoli targato Sarri.

Benitez: “Non mi permetto di giudicare le sue scelte personali. Lui penserà di me quello che vuole pensare come io penserò di lui quello che voglio.

E’ stato un percorso di crescita anche per me e mi ha fatto capire che il calcio italiano deve ritrovare al proprio interno una nuova forza. C’è molto da lavorare e per questo mi sono presto un grande lavoratore come Sarri. Sono stato una settimana con lui per capirlo anche nel privato. Legge tantissimo e anche per questo l’ho scelto…“.

SARRI : “La squadra è carica, non si lavorava in maniera così forte e pesante dall’epoca di Mazzarri. Sarri è un martellatore, i ragazzi sono molto affaticati, ci sono carichi da smaltire per questo non mi aspetto che possano reggere tutta la partita stasera. Sarri è deciso, garbato ma risoluto. I suoi schemi sono completamente diversi da quelli di Benitez che era un uomo di grande rapporti interpersonali. Con Rafa ho avuto un rapporto di crescita mentre Sarri è un grande allenatore. La cosa che mi fa impazzire di lui è che un uomo che legge romanzi importanti e sa di cinema

HIGUAIN: “C’è un malinteso con i media. Chi sostiene che partirà forse è pagato per farlo. Ha tre anni di contratto. Abbiamo avuto dei contatti con il fratello e il padre perché volevano conoscere i piani con il nuovo tecnico.

Ci siamo trovati a Venezia e abbiamo anche ipotizzato il prolungamento. Io ho proposto due anni, loro hanno proposto un anno, Alla fine non abbiamo fatto nulla perchè non c’è ansia, non sono affatto preoccupato per il futuro. Abbiamo altri tre anni oltre a rispetto e amicizia con tutti“.

INSIGNE “E’ un ragazzo dal cuore d’oro. E’ disciplinato, e non si è permesso di dire a Benitez che faceva fatica a giocare ai lati.

Poi quando è arrivato Sarri gli ha subito proposto il ruolo di trequartista e ci siamo trovati tutti subito benissimo.

Felicissimo il mister e felicissimo anche il ragazzo di giocare finalmente dove poter dare dimostrazione di segnare anche 15 gol. Anche con lui abbiamo tanti altri anni di contratto. Cerco sempre di allungare i contratti con i giocatori nei quali credo.

Quando verrà il momento ci siederemo e discuteremo il contatto”.

GIUNTOLI – De Laurentiis ha parole di stima anche nei confonti del nuovo diesse Giuntoli: «E’ bravissimo. E’ un ragazzo sensazionale. Basa i rapporti sulla lealtà e questo gli fa onore. E’ disciplinato, grandissimo lavoratore. Non dorme quasi mai e sarà un compagno di viaggio che resterà con noi a lungo.

E’ bravissimo, un genio. E’ un ragazzo che basa i rapporti sulla lealtà, una qualità che manca nel calcio di oggi. Questo gli fa onore. E’ un ragazzo molto disciplinato e non dorme mai per lavorare. Non capisco perché vengano messe in giro certe voci, forse è ‘La Gazzetta dello Sport’ che insiste nel voler fare una campagna contro di noi…“.

Le accelerazioni non servono nel mercato perché ti fanno sbagliare – continua il presidente – Se io avessi voluto fare dei cambi ad inizio preparazione avrei dovuto cambiare tantissimo e subito.

Sono molto tranquillo perché Giuntoli è una persona molto valida che rimarrà con noi a  lungo.

GABBIADINI : “Non sono sorpreso dalle sue parole, si parla troppo nel calcio. Sarri lo sta dosando per preservarne la forma, è per questo che resta fuori. Pagliari ha voluto mandare un messaggio dall’esterno ma lascia il tempo che trova.

I procuratori lo sanno che devono stare zitti. Pagliari non voleva che il giocatore iniziasse così presto il ritiro. Lo vedeva stanco, mentre invece Sarri lo voleva conoscere e gli ha confezionato una preparazione accurata, preservandolo. Sarri è l’unico che può gestire queste situazioni. “

MERCATO : «Giuntoli sta lavorando a Maksimovic ma anche ad altri per lo stesso ruolo. La nostra filosofia è quella di fare entrare gente giovane. Se non avessimo investito sui Lavezzi, gli Hamsik e i Cavani quando erano giovani, non avremmo certo poi ereditato la capacità per restare per 6 anni consecutivi in Europa.

Alternative a Maksimovic? Dobbiamo fare altre uscite, per ogni uscita arriverà qualcuno. Noi faremo acquisti giovani perché chi non risica non rosica e questa politica ci ha permesso di andare avanti.

 Ci sono molto nomi che non sono altisonanti e che potrebbero fare al caso nostro. Il difensore centrale è un ruolo complicato.

Ce ne sono moltissimi in erba e con un maestro come Sarri possiamo rischiare di prenderli e plasmarli…“.

OBIETTIVI?: “Lo scorso anno ho parlato di scudetto non come presidente ma come tifoso. Ogni tanto uno si fa prendere anche dall’essere troppo tifoso. Quest’anno sarà un bellissimo campionato. Sono felice e contento che squadre importanti come Milan, Inter, Fiorentina e Roma si stiano rafforzando. Tavecchio mi ha detto che siamo in tre, massimo sei ad avere i conti a posto. In Serie B c’è un disastro»

FPF: “Anche il Fair Play Finanziario di Platini è durato poco ed è abbastanza elastico. Come facciamo a creare equilibrio in campionato? Se non cambiamo qualcosa avremo quattro squadre che lotteranno per il titolo e il resto comprimari“.