De Laurentiis: “La campagna abbonamenti inizierà mercoledì. Il nuovo San Paolo avrà 41.000 posti. Sarri il miglior acquisto!”

Ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli Aurelio De Laurentiis ha parlato della campagna abbondamenti, del progetto stadio e della partita col Nizza:

“La campagna abbonamenti comincerà mercoledì, sulla quale c’è stata un imbarazzo iniziale perchè non avevamo la certezza di una serie di attività del Comune, perchè la Uefa ci imponeva la certificazione entro il 30 giugno mentre il Comune ce l’ha data il 31 luglio. Noi quindi abbiamo dovuto chiedere la disponibilità dello stadio di Palermo per poter avere l’iscrizione Uefa. E finchè non avessi consegnato il progetto al Comune non scattava l’ipotesi di poter avere una nuova convenzione transitoria che adesso mi auguro di avere nelle prossime settimane. Se non avessi ottenuto la convenzione come potevo presentare la campagna abbonamenti rischiando di dover giocare a Palermo? Quindi quando abbiamo avuto la certezza dei termini per il 31 luglio, io e Alessandro Formisano abbiamo dato corso all’inizio della campagna abbonamenti che comincerà mercoledì”

Sorpresa per gli ex abbonati

“Abbiamo  deciso premiare  coloro che sono stati i più fedeli e assidui sostenitori lasciando per gli ex abbonati dello scorso anno gli stessi prezzi in vigore nella passata stagione. Chi, invece, si abbonerà ex novo avrà un aumento normale dei prezzi, considerato che si tratta di prezzi invariati da tanti anni”.

Sui prezzi dei biglietti

“Per chi non sarà abbonato i  prezzi in linea generale saranno ripartiti i tre fasce: quelli per i big match, quelli per le partite di cartello e quelli per le altre gare. Vorrei ricordare, comunque, che durante la stagione noi abbiamo sempre applicato per determinate gare prezzi molto popolari per i singoli biglietti proprio per agevolare l’affluenza allo stadio dei nostri tifosi”.

Sul nuovo San Paolo

“Più che un restyling si tratta di un progetto preciso, noi avevamo il termine del 31 luglio per presentare un progetto architettonico ed economico finanziario. Abbiamo consegnato il tutto rispettando i termini che gentilmente il Comune aveva protratto anche perché siamo stati i primi ad affrontare la ristrutturazione dello stadio attraverso il nuovo decreto legge. Vogliamo ridare un’anima a questo stadio e renderlo competitivo con gli stadi moderni. Le fasi da seguire sono tre: il rinnovo di una convenzione che abbia una durata per poter proseguire nell’iter legilativo e applicativo del progetto presentato dagli architetti e dagli ingegneri del Calcio Napoli, poi il progetto definito ed infine quello attuativo. Sarà uno stadio da 41.000 posti. Ci saranno box e salottini individuali per le aziende e ci saranno varie fasi che andremo a studiare in itinere per attivare attività commerciali per i quali abbiamo progettato 45mila metri quadrati come area potenziale. Io vorrei che lo stadio fosse una iniziale fase ed un punto di partenza per poter mettere a regime le capacità creative di Napoli, perchè la nostra città è ricca di risorse. I lavori cominceranno nella prossima primavera e credo che per l’attuazione ci vorranno due anni. Noi stimiamo di poter avere lo stadio rinnovato entro il 2018“.

Sulla parita col Nizza

Sono rimasto basito e stupefatto vedendo alcuni commenti alla nostra gara. Queste sono partite che servono ad un super allenamento perché la posta in palio è nulla. Come si può pensare di dare valore reale ad una partita del genere, sia in senso negativo che in senso positivo? Noi abbiamo ancora tanti giocatori che sono fuori ad allenarsi. Ho visto un primo tempo straordinario e due gol formidabili. Abbiamo anche utilizzato nuovi arrivati ed è chiaro che questi test servono soprattutto per assimilare nel tempo gli schemi di Sarri. Ci sono giocatori appena arrivati che devono mettere benzina nelle gambe”.

Sul Mercato

“Stiamo cercando di colmare quel gap che c’è ancora sulla fase difensiva. Io sono molto contento di Hysaj perché assicura copertura e senso tattico, oltretutto sa giocare sulle due fasce quindi è un elemento che mi lascia super contento. Adesso dobbiamo insistere per eventuali nuovi inserimenti, il mercato è in movimento sia in entrata che in uscita e vedremo quello che accadrà. Noi siamo al lavoro per rendere il Napoli sempre più competitivo. Sono soddisfattissimo del nostro primo acquisto che è Sarri, un allenatore che sa valorizzare, tutelare e ottimizzare il gruppo ed i singoli calciatori“.