De Laurentiis: “I tifosi si sono scordati del passato. Non è un ritiro punitivo! Reina? Non è voluto restare per poblemi di famiglia!”

Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, è intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli per spiegare il motivo di questo ritiro:

“I tifosi hanno scordato il passato, ma giustamente volgiono vincere nel presente. Spesso la piazza perde di vista la realtà, e si lascia sopraffare dal sogno scudetto, senza considerare gli imprevisti del caso. Io sono costretto a fare un discorso diverso, e non considero le parole a vanvera di chi accusa la società di non aver speso sul mercato. Lo scorso anno sono stati investiti ben 98 milioni di euro, e sono numeri che non possono essere ripetuti ogni stagione, soprattutto in vista delle spese per il riammodernamento dello stadio previsto per la prossima stagione.”

Sul ritiro

“Non è una punizione per la squadra. I giocatori hanno bisogno di ritrovare la giusta concentrazione, lontano dalle tante distrazioni che offre la città di Napoli. Il gruppo deve compattarsi, perchè si perde da troppo tempo e c’è bisogno di un affiatamento maggiore per affrontare il delicato finale di stagione. Il cambiamento deve partire dai calciatori, che devono sapere di poter contare sempre sui compagni.”

Sul Wolfsbur

“Sarà una partita molto impegnativa, ma ci io credo. E’ la seconda squadra del campionato tedesco e i proprietari della Wolfswagen sono miei amici. E’ un bene giocare l’andata in trasferta, in modo da poter amministrare il risultato nella gara di ritorno, al San Paolo. In passato abbiamo dato vita ad una bellissima sfida tedesca contro i gialloneri di Klopp.”

Sulla Fiorentina

“Sarà una partita al cardiopalma, tra due squadre forti e due gran allenatori più che competenti.”

Su Reina

“Lo scorso anno abbiamo offerto un cospicuo compenso a Reina, che però ha preferito il Bayern per una questione economica e familiare. La moglie infatti non voleva più vivere a Napoli. Rafael? E’ un portiere giovane, figlio di un investimento importante in Brasile ed era giusto testarne le qualità, soprattutto in vista di un ritorno di Sepe che sta giocando un ottimo campionato con l’Empoli.”

Sul prossimo campionato

“Sky permettendo, si può pensare di giocare la prima giornata in diversi parti del mondo per esporatare il nostro calcio”.