Il regista De angelis: ho girato indivisibili dove si allena il Napoli. Ecco cosa accadeva

De angelis :Indivisibili girato dove si allena il Napoli. Ecco cosa accadeva

De Angelis tra Indivisibili e il Napoli

Indivisibili girato dove si allena il Napoli. Ecco  cosa accadeva:  le stanze della troupe erano le più ambite, non capivamo il perché poi lo capimmo.

di : Francesco Pollasto

 Edoardo De Angelis e le due gemelle Angela e Marianna Fontana protagoniste del film ” Indivisibili”  hanno raccontato quello che accadeva al centro tecnico di Castelvoltuno, base operativa del Napoli e della loro troupe, impegnata nelle riprese del film.

Indivisibili film premiato al festival di Venezia e a quello di Toronto, per poco non è stato scelto  anche per gli Oscar, girato tutto in dialetto Casapesennese, racconta la storia di due gemelle siamesi che vivono tutta l’angoscia della separazione.

Il regista racconta delle riprese al centro tecnico del Napoli

Ogni giorno, decine di persone  chiedevano le nostre stanze, non capivamo perché, hanno tentato in tutti i modi, di entrare, sempre in maniera educata sia chiaro, ma tutta questa attenzione verso i nostri alloggi  non sapevamo spiegarcela, una mattina però mi sono affacciato per la prima volta alla finestra e ho capito il perché di quelle incessanti richieste, le camere davano sul campo di allenamento dove Sarri e gli azzurri preparano le partite

HAMSIK

“Secondo me lui e Totti meritano rispetto: sono uomini e calciatori che hanno ottenuto proposte da varie squadre in giro per il mondo e hanno fatto una scelta di fedeltà. Queste sono scelte che meritano rispetto. Il calcio non dovrebbe mai perdere la sua dimensione romantica. Il calcio emoziona come il cinema, non sono così distanti: sono entrambe delle rappresentazioni emotive

IL NAPOLI

Io sono legato alla formazione che aveva fra i titolari Maradona e Bruscolotti. Io a quei tempi sono rimasto, non ci posso fare nulla. Il tradimento di Higuain? Milik lo ha già rimpiazzato, nessun problema”

 

 

NAPOLI CAPITALE D’EUROPA. L’URLO DEL SAN PAOLO FA PAURA A TUTTI