Cucchiaio, Rabona e Trivella: tutte le Skills dei campioni

CUCCHIAIO-RABONA

CUCCHIAIO, RABONA E TRIVELA, TUTTO CIÒ CHE FA SPETTACOLO.

Cucchiaio, Rabona, la foglia morta e la maledetta: quando la bellezza diventa leggenda Pelè, Maradona, Messi, CR7 E poi Corso, Totti e Pirlo: scopriamo come nasce il capolavoro. Dal passato ai giorni nostri: viaggio tra le invenzioni che hanno fatto storia.

RULETTA

Cucchiaio, Rabona, Ruleta: ecco tutte le Skills e i capolavori del calcio

AURELIO:  dribbling in cui si fa ruotare la palla dietro il piede di appoggio, riportandola immediatamente nella posizione originaria. Specialità di Rodrigo Taddei, che la dedicò ad Aurelio Andreazzoli, allenatore e collaboratore tecnico di Spalletti alla Roma.

 BICICLETTA:  movimento eff ettuato in corsa, con palla alzata, trattenuta fra i piedi e portata avanti col tacco, in modo da scavalcare l’avversario con un pallonetto. UNO DEI PRIMI SPECIALISTI FU VITO CHIMENTI, TIGNOSO CENTRAVANTI DEGLI ANNI ’70.

BOBA:  fi nta eff ettuata toccando leggermente il pallone all’indietro e poi portandola subito in avanti, facendo un tunnel all’avversario. Gesto eff ettuato spesso dal fantasista argentino Andres D’Alessandro. E’ UN GIOCO DI GAMBE CHE LASCIA DI STUCCO L’AVVERSARIO, LO STORDISCE E LO FA SENTIRE UNA «BOBA», UN TONTO.

CUAUHTEMIÑA:  pezzo da circo che rese celebre l’attaccante messicano Cuauhtémoc Blanco al Mondiale 1998, dove era solito saltare gli avversari trattenendo il pallone tra i piedi e compiendo un balzo in avanti. Un dribbling però vietato dal regolamento. E’ DETTO ANCHE SALTO DELLA RANA.

CUCCHIAIO:  conclusione morbida e lenta, realizzata colpendo il pallone “sotto”, nella sua parte in inferiore, con tocco secco di collo piede. La utilizzò per la prima volta il ceco Panenka su rigore nell’Europeo 1976. CELEBRE E’ QUELLO DI TOTTI, CONTRO L’OLANDA, ALL’EUROPEO DEL 2000. DISSE: MO’ JE FACCIO ER CUCCHIAIO.
DOPPIO PASSO:  il “paso doble”, inventato negli anni Trenta dall’ala del Bologna Amedeo Biavati, è una particolare fi nta eseguita muovendo lateralmente le gambe attorno al pallone, abbozzando un cambio di direzione ma in realtà continuando la corsa.

CUCCHIAIO-colpo-sotto

ESTIRADA:  tipica dell’attaccante che si lancia in scivolata per colpire il pallone al volo, bruciando sul tempo il difensore avversario.

FOCA:  gesto tecnico che avviene quando il giocatore controlla il pallone di testa e avanza tenendolo aderente alla fronte o controllandolo con piccoli palleggi, imitando le tipiche evoluzioni circensi di cui si rende spesso protagonista l’omonimo animale.

RABONA:  movimento in cui il pallone viene colpito spostando il piede con cui si calcia dietro il piede di appoggio. RABO IN SPAGNOLO SIGNIFICA CODA. E QUINDI: COLPO DI CODA.

SCORPIONE:  colpo eff ettuato buttando il corpo in avanti, con un tuff o, e colpendo il pallone con il tacco (o con entrambi). Famosa l’interpretazione che ne dava il claunesco portiere colombiano René Higuita.

SOLADA:  spostamento laterale o verticale della sfera con la suola, mutuato dal calcio a 5, in modo da imprimerle un’improvvisa accelerazione che permette così di scartare in dribbling l’avversario. È nel bagaglio tecnico di Erik Lamela.

SOMBRERO:  dribbling aereo eff ettuato stando di fronte alla sfera e di spalle rispetto all’uomo da superare, facendo passare la palla sopra le testa dell’avversario, disegnando (da qui il nome) la tipica forma del cappello messicano.

TRE DITA:  Le tre dita. Vedi alla voce, punizione. Nel senso di castigo. Questo era, quando tirava Branco, brasiliano del Genoa. Traiettoria imparabile: alta, alta, alta. No, il pallone si abbassa all’improvviso e fi nisce lì. Il segreto? Tres dedos, tre dita. Le ultime tre del piede sinistro, bisogna colpire così spiegò candido, facile dai. Per informazioni chiedere anche a Roberto Carlos.

TRIVELA:  modo di calciare d’esterno, spesso su punizione, usando le ultime tre dita del piede, in modo tale che la palla prenda velocità abbassandosi nel contempo repentinamente. il colpo preferito dell’attaccante portoghese Ricardo Quaresima.

 

Fonte: Furio Zara Guerin sportivo