Corrsport: Altro che delusione, Hamsik vuole Napoli, firmò anche un rinnovo su un tovagliolo”

    #calciomercato #napoli

    Arrivato nel 2007 è diventato leader.

    La città, che lui definisce “casa”, è pazza di Hamsik

    Hamsik è poco più di un bambino quando atterra a Capodichino e non sospetta, nessuno può, di essere arrivato in quella che un giorno definirà «casa sua».

    Ci sta, ci rimane, compra una villa a Castel Volturno, e decide che non c’è motivo per cambiare, firma rinnovi su tovaglioli, non conosce la strategia della trattativa (né lui, né De Laurentiis che stravede: ” e’ un ragazzo educato, pieno di sentimenti”).

    Napoli e l’ha eletta ad habitat naturale, evitando altro, sfuggendo alle tentazioni, restando fedele ad un senso d’appartenenza accresciuto nel tempo.

    Otto anni di Hamsik sono espressi attraverso una serie di rifiuti, di “NO”. E a Massimiliano Allegri, il tecnico maggiormente affascinato dalla poliedricità del centrocampista, il corteggiatore (discreto, rispettoso) che al Milan lo indicò come “mister X” e quello che poi alla juventus l’avrebbe portato per alleggerire le responsabilità d’una squadra priva di Vidal, non è rimasto altro da fare che apprezzare il motivo del rifiuto.

     

    bennr-pagina-napoli-medio