Il Corriere dello Sport ipotizza gli undici anti-Sparta: spazio a Zapata e a De Guzman. Gargano torna titolare

 

Il Corriere dello Sport ”anticipa” le scelte di Benitez e ipotizza la formazione anti Sparta.


 

Le scelte e la formazione anti-Sparta, dicevamo. Che, partendo dal centravanti, sarà condizionata dall’assenza di Higuain: ieri il Pipita ha svolto metà allenamento con il gruppo e poi è rientrato in palestra per la seconda parte. A limitarlo, un colpo a un piede rimediato domenica con il Chievo: nulla di particolare né di particolarmente preoccupante, però l’idea di fondo è che domani non sarà rischiato. Spazio a Zapata, allora; più a Zapata che a Michu: il testa a testa è in atto, ma l’impressione è che il colombiano sia favorito sia perché domenica è apparso piuttosto pimpante, sia perché il collega spagnolo non è annunciato ancora in grande forma. A completare l’archivio dei problemini, perché è di inconvenienti davvero blandi che stiamo parlando, c’è da registrare anche il leggero affaticamento accusato da Jorginho.

Con il centrocampista brasiliano destinato a un turno di riposo, allora, come riporta il Corriere dello Sport,  ecco la lotteria della mediana: Inler è candidato a un posto nella coppia davanti alla difesa, mentre al suo fianco è possibile che Rafa decida di rilanciare Gargano, assente dalla doppia sfida di Champions. Lui più di David Lopez, con la possibilità comunque di vedere lo spagnolo esordire in azzurro a partita in corso.

Ci sarà dal primo minuto, invece, De Guzman: l’eroe di Marassi giocherà nel tris di trequartisti alle spalle della punta, ma Benitez sta valutando se schierarlo a destra, con Hamsik centrale e Mertens a sinistra, oppure al posto di Hamsik però affiancato da Mertens (a destra) e Insigne (a sinistra). Di certo, comunque, comincerà dall’inizio. E come lui anche Dries il belga.

In difesa, riporta il quotidiano,  crescono a vista d’occhio le quotazioni di Henrique: da marcatore centrale, piuttosto che da terzino destro, e con ogni probabilità al posto di Albiol. Dunque, coppia Henrique-Koulibaly, con Maggio a destra e Britos dall’altra parte al posto di Zuniga. Anche Mesto, però, scalpita: il jolly delle fasce corre e spera. Oggi se ne saprà di più. Ma in ogni caso sarà la revoluciòn.