Coppa Italia, Napoli-Inter 1-0: basta Higuain per battere l’Inter!

La squadra di Benitez supera 1-0 i nerazzurri con un gol del Pipita al 92′. In semifinale di coppa Italia affronterà la Lazio


 

NAPOLI – Ancora una volta Gonzalo Higuain. Una magia del Pipita in pieno recupero – aiutato da un’ingenuità colossale di Ranocchia – consegna la semifinale di coppa Italia al Napoli condannando all’eliminazione l’Inter di Mancini. Al San Paolo finisce 1-0 e per Benitez è il quinto successo consecutivo. La rivincita contro il suo passato è ancora più dolce per il tecnico spagnolo che spinge il suo Napoli verso la doppia sfida contro la Lazio.

MANCA SOLO IL GOL – Con Koulibaly terzino destro da parte del Napoli e l’esordio di Santon con l’inserimento del giovane Puscas in attacco in casa Inter, nella prima frazione i ritmi sono subito più che accettabili. Gli azzurri tengono il pallino del gioco ma l’Inter non si fa schiacciare. Higuain prova subito a lasciare il segno con due buone occasioni non sfruttate a dovere nei primi dieci minuti. Il Pipita prima si vede bloccare una botta dal limite da Carrizo, poi non riesce ad inquadrare la porta di testa su un cross capolavoro di Hamsik. La risposta nerazzurra arriva subito dopo con Brozovic che prova a regalarsi la prima gioia interista con un destro impreciso dai venti metri. La prima grande occasione da gol per gli ospiti arriva al 13′ con un clamoroso palo colpito da Icardi con un rasoterra scagliato dal limite dell’area partenopea. Dopo il brivido di Maurito è Shaqiri a scaldare i guantoni di Andujar con un sinistro potente ma troppo centrale. La partita è divertente, addirittura vibrante in alcuni momenti. Higuain al 25′ crolla a terra dopo un contrasto di gioco e urla per il dolore al ginocchio. Il San Paolo ammutolisce terrorizzato ma l’attaccante argentino si riprenderà poi senza problemi. Hamsik e ancora il Pipita spaventano la retroguardia interista – guidata male da un impreciso Ranocchia – che però tiene grazie anche all’ottima prestazione di Carrizo. Proprio il portiere nerazzurro dice di no prima ad una botta di Hamsik al 33′ e poi alla successiva deviazione sotto misura di Higuain, ostacolato dal ritorno di Medel.

CI PENSA IL PIPITA – Nella ripresa la musica cambia: le due squadre si affidano alla tattica e chiudono gli spazi concedendo meno allo spettacolo. Non si gioca più a viso aperto e i cambi di fronte sono meno frequenti. Hernanes e il 18enne giovane Puscas si creano due buone occasioni da gol sprecate sul più bello. Benitez inserisce Mertens per un Callejon in chiaroscuro guadagnandone in imprevedibilità, poi manda in campo Gabbiadini e Ghoulam per Hamsik e l’infortunato De Guzman. La risposta di Mancini è con Dodò e Guarin schierati a metà ripresa. La gara però, nonostante i cambi effettuati, continua a non decollare. Quando ormai i supplementari sembravano materializzarsi, ecco arrivare la zampata del campione. Siamo al secondo minuto di recupero quando da una rimessa laterale di Ghoulam Ranocchia cicca clamorosamente il pallone lanciando in porta Higuain che trafigge Carrizo con una freddezza da top player. E’ il gol che decide il match, condanna l’Inter di Mancini e regala la semifinale al popolo napoletano. Adesso ci sarà la doppia sfida contro la Lazio.

fonte: cds