Champions: Contro il Besiktas tripla novità rispetto la Roma

    Champions

    Il periodo del Napoli non è quello dei migliori. Sconfitta casalinga con la Roma, dopo il ko di Bergamo, e con la Champions alle porte. Battere il Besiktas per mettere un piede e mezzo agli ottavi della competizione. Ma battere il Besiktas anche per spazzare via le nubi dal cielo azzurro napoletano. Sarri dovrà inventarsi qualcosa, palese la sofferenza azzurra per la mancanza di una prima punta di ruolo, ma non solo. Il Napoli ha nell’abituale undici titolare, qualche elemento chiave sofferente di scarsa forma.

    E’ il momento di cambiare rotta

    Mercoledì i riflettori del San Paolo si accendono per far luce sulla notte magica della Champions, e magari illuminare anche un Napoli versione anti-Benfica. Il Besiktas, non ha il materiale per intimorire gli azzurri, ma la Champions è pur sempre la Champions, affascinante anche per alcuni imprevisti. Gli azzurri che noi conosciamo (che non sono quelli delle ultime due uscite) non devono aver paura dei turchi. La batosta rifilata al Benfica deve aver rafforzata la consapevolezza delle proprie forze. Ma da allora il Napoli si ritrova con un Milik in meno, e una squadra per metà stanca, e metà confusa.

    Come sarà il Napoli anti-Besiktas?

    Per fronteggiare il Besiktas, il Napoli si affiderà a Mertens da titolare, che molto probabilmente prenderà il posto di Insigne. Il belga è apparso più efficace dei colleghi di reparto anche nella sconfitta contro i giallorossi. Uno stanco Jorginho si accomoderà in panchina, il suo ruolo sarà preso da Hamsik, con l’ingresso dal primo minuto di Zielinski ad agire nella zona che solitamente è dello slovacco. Cambio anche in difesa. Raul Albiol, non sarà ancora pienamente disponibile, ma in ogni caso, Chiriches potrebbe prendere il posto di Maksimovic, che contro la Roma, ha sofferto di crampi.