C’eravamo illusi di aver ritrovato il giusto equilibrio

    Ci risiamo. Il Napoli è tornato indietro di un mese e mezzo nella sfida di ieri pomeriggio contro il Cagliari. Gli azzurri hanno smarrito quel giusto equilibrio che gli aveva permesso di diventare la migliore squadra prima dell’ultima pausa. D’improvviso si è perso il filo conduttore che avrebbe potuto regalare un obiettivo diverso stagionale.

     

    Contro Roma si era sfiorata la perfezione, con la Fiorentina ci si era imposti con una prova di carattere. Al cospetto di Zeman e company, invece, è venuta a mancare quella compattezza difensiva che aveva fatto la differenza qualche settimana fa. C’eravamo illusi, dunque, di aver trovato l’equilibrio tanto caro a Rafa Benitez. I giovani del boemo, dopo i primi minuti di timore, hanno messo in difficoltà gli esperti partenopei. Eppure si vinceva 2-0 e se ne potevano segnare altri di gol. Improvvisamente il reparto arretrato si è addormentato e il Cagliari ne ha approfittato per accorciare le distanze prima del riposo. Il gol a freddo di inizio ripresa è da polli. Lo è ancora di più il 3-3 subito a difesa schierata. Vogliamo molto bene a Koulibaly ma il francesone deve capire che in alcuni momenti non deve esagerare col pallone tra i piedi. Questo pareggio finale sarà anche spettacolare ma serve a poco perché Juve e Roma sono scappate di nuovo.

     

    Il Roma