CDN: Il Napoli prepara il prossimo tour de force, Fiorentina-Midtjylland e Chievo 3 partite in 7 gg.

Dopo la sosta inizia una altro tour de force 

Fiorentina-Midtjylland e Chievo  3 partite in 7 gg.

Di Michele Bellame per Cronache di Napoli

Primo tour de force archiviato per il Napoli di Sarri. Dopo un inizio di campionato stentato, il cambio di modulo è stato propedeutico per migliorarsi in corso d’opera.

Le bocche da fuoco azzurre hanno trovato maggiori riscontri, ora che sono state adattate al 4-3-3: i due esterni larghi hanno terrorizzato le difese avversarie (così come succedeva con Benitez) in maniera più pericolosa rispetto alle prime uscite, quando mister Sarri aveva posizionato Insigne dietro le punte introducendo il modulo col trequartista. La prima sosta di campionato serve alle squadre per trarre un primo bilancio dello start della stagione.

La pausa delle nazionali, a volte benedetta e altre maledetta, rende più facile constatare cosa c’è da migliorare nei meccanismi di gioco. A prescindere da come si è concluso il primo ciclo, a prescindere da chi è rimasto sul campo d’allenamento del club. Dopo che le rispettive nazionali hanno restituito i giocatori alle reciproche squadre di appartenenza, al San Paolo ci sarà la Fiorentina, reduce da un inizio di campionato eccezionale: il portoghese Paulo Sousa, alla prima stagione italiana, sta sorprendendo tutti per il gioco espresso e per i risultati che ne ha conseguito.

Dopo quattro giorni, si vola in Danimarca perché si chiude la fase d’andata del girone di Europa League: col Midtjylland, il Napoli potrà archiviare la pratica qualificazione. Sarà la volta del Chievo, domenica 25: campo sempre ostico quello del Bentegodi, sta al nuovo allenatore cercare di invertire la tendenza. Tra il 28 ottobre ed il primo novembre, due partite che hanno il sapore di un derby: mercoledì sera, al San Paolo andrà in scena il derby delle Due Sicilie, come recentemente ribattezzato, tra Napoli e Palermo; nello scorso campionato, i rosanero di Iachini ribaltarono un insperato 3-1 in un sorprendente 3-3. Nel girone di ritorno, furono i siciliani ad avere la meglio. L’altro derby è quello col Genoa a Marassi: chissà che non ci sarà un De Guzman di turno che, furbescamente, la metta dentro come alla prima della scorsa stagione… Giovedì 5 sarà di nuovo Europa League: dopo aver chiuso il girone d’andata in casa dei danesi, saranno con questi ultimi che si inizierà il girone di ritorno nell’arena di Fuorigrotta.

Si chiude questo secondo blocco di partite con un’altra in casa, contro l’Udinese dell’immortale Totò Di Natale.

Di sicuro, sulla carta, escludendo l’oggettivamente ostica Fiorentina, sembra un periodo più facile per il Napoli: dopo aver giocato con la Lazio, la Juve ed il Milan, gli azzurri si ritroveranno ad affrontare le cosiddette medio piccole che, atavicamente, hanno sempre rovinato i buoni piani della squadra. Chissà che, con il vincente provincialismo di Sarri, non si cambi marcia anche sotto quest’aspetto.