«Caro Pino, la tua terra è in lacrime» lettera di Alessandro Siani

di Alessandro Siani

 Quando cammini nella mia città non riesci ad essere obiettivo, non riesci a dare un giudizio su quello che i tuoi occhi stupiti stanno guardando, confusi dalle immagini che entrano nel cuore, rimbalzano dall’anima e poi quando meno te lo aspetti ritornano alla mente. Allora Napoli che cos’è? Napoli è l’amarezza squarciata da un sorriso che appare sul viso di un bambino come un arcobaleno dopo una pioggia di lacrime.
Appena finii di pronunciare questa frase Pino Daniele iniziò con la sua chitarra, con le mani accarezzò le corde dell’anima cantando “Terra mia”. Era mercoledì 10 luglio 2013, Foro Italico a Roma, ed io ero sul palco assieme a lui. Mi tremavano le gambe.
Pino ha cantato “Terra mia” e ha cantato la verità perché ‘sta terra è ‘a soia. Si capisce dagli occhi della gente, dal sentimento che è stato capace di donare negli anni, dall’ombra che è scesa in queste ore sul sole amaro di Napule è. Il popolo ha voglia di comunicare questo suo dolore, e lo fa con abbracci, stringendo le mani, piangendo; non scrive sui muri della città, ma sui graffiti di Internet, sui murales che sono le pareti di Facebook, scrivono tutti di tutte le generazioni, dicono che sei immenso, Pino, che sei uno di famiglia, ti scrivono tutti, e tra i tanti giovani ti scrive anche un ragazzo che si chiama Salvatore.
Dice: «’A musica ‘e Pino Daniele nun ‘a siente, ‘a musica ‘e Pino Daniele ‘a tuocche, ‘a tuocche ‘ncopp’a nu muretto scarfato d’o sole, ‘a tuocche ‘ncopp’a ‘na ringhiera quanno guarde Napule ‘a copp’a San Martino, ‘a toucche ‘ncopp’a pelle sporca ‘e sale ‘e nu piscatore, nui napulitane nun simme figli né frate, nui napuliane simme ‘e note e ‘a musica ‘e Pino Daniele, Napule è… e sarrà “Pinuccio”». Questo dice la Terra tua.