Caro Aurelio De Laurentiis perché dai sempre la colpa ai tifosi?

Il presidente del Napoli è tornato a parlare.

Di: Francesco Pollasto

Non finiremo mai ringraziare Aurelio De Laurentiis per i palloni di Paestum. non finiremo ma di ringraziarlo per averci riportato dalla C alla Champions, lo ringrazieremo per averci portato: Lavezzi e Cavani prima , Higuain e Callejon dopo, lo ringrazieremo soprattutto  per averci portato Rafa!

Ad Aurelio dirigente si possono eccepire poche cose, il problema nasce quando l’uomo “Aurelio” inizia a parlare.

Quando il Napoli alza un trofeo, oppure ottiene una vittoria molto importante, ecco apparire da lontano come un eroe della Marvel, il buon Aurelio.

Sempre prodigo di consigli e di grandi idee, le stesse che non hanno mai trovato applicazione concreta, quando si perde? si chiude in un mutismo assordante per poi esplodere, trovando sempre il colpevole di turno: I TIFOSI DEL NAPOLI.

Esatto avete letto bene!  voi tifosi  “chiagnit e futtite”  ebbe a dire il presidente!  Quando solo un mese prima lodava la piazza, in quel di Folgarida, ritenendola matura per lo scudetto.

«23 lug 2014 – Aurelio De Laurentiis e Rafa Benitez hanno incontrato i tifosi a Folgarida. Il patron ha parlato di scudetto: “Siamo maturi per questo traguardo.»

 Oggi 2 Gennaio 2015  il pensiero e’ capovolto, come mai? :

«Lo Scudetto ci sarà quando l’ambiente sarà maturo”.»

Intanto al popolo “Immaturo” il massimo dirigente del Napoli, ha levato la maglia azzurra! sostituita con bizzarre idee di marketing, non riesce a trovare uno straccio di accordo con il sindaco di Napoli, per rendere lo stadio un posto quanto meno decente!

Se le presenze al San Paolo sono calate drasticamente, c’è anche la complicità di un pessimo mercato, (non condotto dai tifosi) e dalle pessime dichiarazioni rilasciate della dirigenza, oltre ai risultati altalenanti del campo. Mentre oggi il  popolo azzurro è accorso in massa per un misero allenamento a porte aperte! e non sarebbe maturo?

Volgiamo ricordare che fu lo stesso De Laurentiis che, nel momento più nero del Napoli, scelse di non parlare, facendo esporre solo Rafa Bernitez.

Questo passaggio è fondamentale per capire bene le parole post vittoria, di Aurelio, sinceramente a me ha stancato molto, il suo modus operandi, offensivo per l’altrui intelligenza, sono saturo delle chiacchiere imbonitrici, gli riconosco alcuni meriti, ma i suoi atteggiamenti dentro e fuori dal campo sono davvero irritanti.

“De Laurentiis ma ci faccia il piacere”