Careca «Ho consigliato al Napoli Tevez e Gabigol ma non mi hanno ascoltato, adesso c’è Rodrigo Caio che è davvero forte»

Per il Napoli lavorerei gratis, l’ho detto anche in passato. Ma se non mi chiamano..

 

Ho consigliato Tevez e Gabigol ma non mi hanno ascoltato!

«Ho consigliato Tevez e Gabigol  al Napoli ma non mi hanno ascoltato, adesso c’è Rodrigo Caio che è davvero forte» lo afferma Antonio Careca, bomber azzurro dal 1988 al 1993, al quotidiano il Mattino:

Tevez,Gabigol e Caio gli ultimi suggerimenti (inascoltati) che Careca aveva dato a De
Laurentiis.
«Tevez si poteva prendere,su Gabigol bisognava essere più veloci della concorrenza. Caio si potrebbe ancora fare, è un buon difensore, pronto per l’Europa. A Castel Volturno sanno benissimo che devono soltanto chiamarmi, io sono a disposizione. Per il Napoli lavorerei gratis, l’ho detto anche in passato. Ma se non mi chiamano…»

Questo Napoli ha i mezzi per migliorarsi lontano da casa?
«Sulla carta sì, la squadra mi pare notevolmente rinforzata.Mi aspetto grandi miglioramenti dal centrocampo,che adesso è il reparto meglio assortito e dove è più facile trovare alternative di pari livello. La tecnica è importante però, è nella testa che si deve avere una marcia in più. I giocatori devono convincersi della propria forza e Sarri deve allenare anche il modo di pensare, oltre al lavoro in campo.»

Cosa deve fare il Napoli  per arrivare fino in fondo?.
«Subire pochi gol e fare parecchi punti lontano da Napoli.Tanto in casa le vittorie arrivano quasi sempre, Fuorigrotta è un fortino, oltre ad essere una trappola per gli avversari. Per le rivali non è mai un piacere scendere in campo al San Paolo. Nelle prossime due trasferte,ci vogliono due vittorie per mettere subito le cose in chiaro in campionato e in Champions.  Sarebbe un bel segnale di forza per gli avversarie di grane stima per il gruppo.»