Cardito: bimbi costretti a fare lezione nel corridoio, la rivolta delle mamme

     Cardito: Mamme in protesta, i figli costretti a fare lezione in un corridoio.

    Accade alla scuola Galilei

    Abbiamo raggiunto una delle mamme dissidenti: la signora Giovanna
    Buongiorno Giovanna, ci dica come mai avete protestato?

    “I nostri figli hanno cominciato la scuola in un aula come le altre, poi dopo pochi giorni sono stati spostati in un corridoio, adattato ad aula, ma che di aula non ha perfettamente nulla in quanto è il corridio che porta gli alunni dall’andrione della scuola alla palestra, quidi c’e’ un via vai continuo.  Inoltre c’e’ un ripostiglio dove venivano conservati  tutti gli attrezzi ginnici.

    Il corridoio non ha tende quindi i ragazzi sono costretti a seguire le lezioni coprendosi dai sole  con zaini o giubbini, ad una certa ora  l’aula diventa un forno e molti bimbi quando tornano a casa accusano malori.

    La cosa peggiore e’ la  muffa, inoltre in quello spazio e’ ubicata  la  centralina della campanella che si trova proprio sulle tetste degli alunni e che suona ad ogni ora provocando forti disagi ai bambini.”

    I carabinieri li avete allertati voi?

    “Si. Li abbiamo chiamati, e sono intervenuti, hanno parlato con la preside che le aveva promesso, che oggi i nostri figli sarebbero stati spostati, cosa che  non e’ avvenuta.

    Stamane  siamo state costrette ad avvisare nuovamente le forse dell’ordine ma stavolta ci hanno detto che  non ritengono  opportuno intervenire nuovamente  poiche’ non c’e’ un allarme giustificato, anzi hanno aggiunto che avrebbero potuto denunciarci tutte per procurato allarme”.

    Avete intenzione di continuare?

    “certo che continueremo, fin quando i ragazzi non siano messi in un aula, come tutti gli altri ragazzi. E’ incredibile che nel 2015 siamo costrette a protestare per un aula”.