Caiazza: “L’infrasettimanale, dopo l’exploit col Verona stasera gli azzurri vanno a caccia di un altro successo in casa dell’Atalanta”

    Caiazza: “Napoli, ora servono conferme”


    Cercansi conferme in casa Napoli. Stasera all’Atleti Azzurri d’Italia la squadra azzurra non può permettersi il lusso di gettare al vento tutto quello che di buono che si è visto domenica contro l’Hellas Verona.tre punti incassati con i veneti hanno ricaricato un ambiente che era depresso dopo il pari di Milano con l’Inter e la sconfitta con lo Young Boys a Berna. Al San Paolo il team di Benitez ha travolto gli avversari a suon di gol e giocando pure bene. Certo, la difesa ha fatto come sempre qualche danno ma ci hanno pensato i bomber per eccellenza ha cambiare il corso della gara. Quella contro il Verona potrebbe essere stata la partita della svolta definitiva. Troppe volte ci si è illusi che il peggio era passato ma sistematicamente ci si è fermati. Stavolta non dovrebbe accadere perché i cosiddetti top player hanno capito cosa bisogna fare per vincere. Hamsik, Higuaìn e Callejon sono saliti in cattedra e hanno dilaniato un’avversaria che sperava nel colpaccio dopo aver beffato il portiere Rafael dopo 30 secondi di gara. Il tris d’assi deve fare la stessa cosa stasera in casa dell’Atalanta. Colantuono non se la passa bene, anzi mai come in questa stagione sta vivendo un pessimo momento. Sarebbe il caso di dargli il colpo di grazia e portare via finalmente i tre punti da Bergamo. L’anno scorso le cose non andarono troppo bene. Rafa decise di affidarsi ad un turn over ampio e finì 3-0 per i padroni di casa. A quanto pare Benitez non sembra voler cadere nella tentazione di cambiare tutto in vista del match con la Roma di sabato. Meglio incassare stasera l’intera posta in palio, poi si pensa ai giallorossi. Ecco, quindi, che la formazione dovrebbe essere a grandi linee la stessa che ha fatto sfraceli con il Verona. Potrebbe cambiare giusto qualche pedina ma l’ossatura forte rimarrà la stessa. Non è il caso di sottovalutare l’impegno buttando nella mischia quei calciatori che hanno fatto brutte figure in Europa League. Inutile puntare tutto sulla partita contro i capitolini se poi si perde con l’Atalanta. Allora spazio ai pezzi grossi. Come Higuaìn che vorrebbe aumentare subito il suo bottino di gol. Ne ha fatti tre in una sola volta dopo che era stato a digiuno per sette sfide. Ci ha preso gusto
    anche Hamsik. Il pericolo di vederlo fuori non c’è poiché Michu è rimasto a casa per infortunio. Il capitano è migliorato anche tatticamente e quindi vuole dimostrare che è tornato a giocare sul serio. Il capocannoniere del torneo Callejon è stato considerato il nuovo Careca. A Bergamo cerca l’ottavo gol in campionato, il sesto consecutivo. A sinistra c’è il solito ballottaggio tra Insigne e Mertens. Lorenzo potrebbe giocare e restare fuori poi con la Roma. A centrocampo spazio ad Inler al posto di Jorginho. Con lui c’è David Lopez. In difesa dovrebbero essere confermati tutti a meno che Henrique non prenda il posto di Maggio e Britos torni a fare il terzino sinistro in luogo di Ghoulam. Al centro devono fare attenzione a Denis il ritrovato Albiol e Koulibaly.