Bye Bye Blatter

    Scrive il portale  Goal:

    Clamoroso annuncio di Sepp Blatter, che si dimette da presidente della FIFA e prepara la successione in vista del prossimo consiglio ordinario, a maggio 2016.

    Sepp Blatter lascia la FIFA. Il presidente della massima organizzazione calcistica mondiale, intervenuto in conferenza-stampa da Zurigo, ha annunciato le proprie dimissioni dalla carica. Messa a punto anche la successione: l’erede di Blatter verrà scelto in un congresso programmato tra la fine di quest’anno e l’inizio del prossimo. Per ora la presidenza della FIFA verrà lasciata ad interim a Domenico Scala.

    Tengo alla FIFA più che ad ogni altra cosa e voglio solo il meglio per lei e per il calcio – l’esordio di Blatter in conferenza – Per questo ho deciso di ricandidarmi alla presidenza, convinto che sia la miglior opzione per l’organizzazione. Le elezioni sono finite ma le sfide che si presentano dinanzi alla FIFA no“.

    C’è bisogno di una profonda ristrutturazione – ammette Blatter – Ho convocato un collegio elettivo straordinario per far sì che venga eletto un nuovo presidente dopo di me. Io eserciterò le mie funzioni fino al prossimo consiglio elettivo straordinario“.

    Blatter resterà quindi provvisoriamente in sella, fino ad un consiglio straordinario di cui andrà decisa la data (tra dicembre e marzo prossimi). Il prossimo consiglio ordinario, invece, si terrà “il 13 maggio 2016 a Città del Messico ma sarebbe troppo tardi, cercheremo di risolvere prima la situazione“.

    Faremo in modo che tutti i candidati si possano presentare – chiarisce Blatter – Naturalmente io non sarò tra quelliNon abbiamo il controllo delle singole confederazioni della FIFA, perciò dobbiamo rinnovarci. Questi membri devono essere eletti dal nostro Congresso“.

    Gli ultimi sviluppi dell’inchiesta statunitense sulla corruzione all’interno della FIFA avevano tirato in ballo il numero due Jerome Valcke  Il segretario generale della massima organizzazione calcistica mondiale è accusato di aver versato (nel 2008) una ‘mazzetta’ di ben 10 milioni di dollari all’ex vicepresidente  Jack Warner affinchè i Mondiali del 2010 fossero assegnati al Sudafrica.

    Accuse che la FIFA, tramite un comunicato ufficiale, aveva già respinto al mittente. Prima della clamorosa e per certi versi inaspettata decisione di Blatter.