Benitez: “voglio segnali di crescita. Domani se possiamo vincere bisogna farlo”

Benitez: domani bisogna gestire la gara e passare il turno

Il tecnico azzurro: siamo in vantaggio, ma voglio segnali di crescita. Mertens: darò il massimo, a Napoli sto benissimo

 

Siamo in vantaggio ma dobbiamo gestire bene la partita. In Turchia abbiamo fatto bene e domani se possiamo vincere bisogna farlo“.
 

 

Rafa Benitez con forza e mentalità vincente verso il match di ritorno con il Trabzonspor. Napoli che parte dal 4-0 di Trebisonda, ma il tecnico vuole impegno e determinazione per varie motivazioni, anche di ordine tecnico.

 

E’ l’occasione per chi giocherà di mettersi in mostra ed evidenziare il proprio valore. La rosa sta maturando anche individualmente e ci sono partite in cui è necessario dimostrare la crescita personale”.

 

“Siamo in una situazione di punteggio che può permetterci di giocare senza ansia, ma non certo con eccessiva tranquillità. Loro sono una buona squadra ed all’andata se abbiamo imposto il nostro gioco è stato per merito del buon approccio iniziale. Dovremo ripetere la stessa prestazione”.

 

“Se ci sarà da lottare dovremo farlo, se ci sarà la possibilità di segnare dovreno farlo altrettanto. in Italia di solito c’è la mentalità di ritenere il risultato acquisito, invece una squadra deve conservare la mentalità giusta. Domani vogliamo passare il turno e giocare come sappiamo anche per rispetto del pubblico che verrà al San Paolo ad incitarci“.

 

Ha già deciso la formazione? Ci sarà molto turnover?Proprio nell’ottica del discorso di crescita, mi interessa vedere convinzione e determinazione da parte di chi giocherà. Siamo ad un punto tale che anche ruotando gli uomini la squadra può mantenere un rendimento alto. Per questo sono fiducioso ma allo stesso tempo aspetto risposte in campo“.

 

 
Pensa che il Napoli possa competere fino in fondo per l’Europa League?Ho giocato tante partite in campo internazionale e so che bisogna pensare una partita per volta. L’Europa League può riservare tante avversarie di livello, noi siamo pronti ad affrontare tutti ma dovremo essere bravi di volta in volta a farci trovare al massimo. Siamo su tre competizioni e strada facendo capiremo dove possiamo arrivare“.

 

Giocherà Andujar o Rafael?:Io ho una rosa di 25 uomini da gestire. Il portiere è un ruolo delicato ed entrambi possono giocare. Sono tranquillo perchè entrambi mi danno garanzie e sono sereno sulla scelta di chi far giocare di volta in volta“.
 

 

Di certo partirà Mertens dall’inizio:Dries sta facendo bene. Ha avuto un momento sfortunato con il Sassuolo con l’espulsione ma nelle ultime gare sia quando ha giocato dall’inizio che quando è entrato ha dato un grande contributo. Sono soddisfatto di lui moltissimo, è cresciuto, approccia con maggiore disponibilità alla fase difensiva e poi in avanti ci dà tanta qualità“.
 

 

 

Eccolo Mertens al fianco del tecnico azzurro in conferenza: “Mi sento bene, mi spiace per l’episodio sfortunato contro il Sassuolo e per l’espulsione, ma ritengo positiva la mia prestazione nei minuti in cui sono entrato”

 

“Personalmente sto lavorando tanto, ho fiducia nell’allenatore che mi sta gestendo bene. Quando mi guardo allo specchio sono soddisfatto della mia crescita. L’anno scorso ho segnato 14 gol, quest’anno cercherò di dare ancora il massimo”.

 

“Quello che mi interessa è che vinca la squadra. Io sto benissimo a Napoli e voglio giocare in questa squadra a lungo. Domani sarà un’occasione per mettermi in luce e dare una mano ai miei compagni”.

 

“A Trebisonda ho giocato bene e adesso voglio ripetere la buona prestazione.

 

I rigori? Chi non tira non sbaglia e non segna. Sono stato poco fortunato ma non mi demoralizzo per questo. Io mi guardo ogni giorno allo specchio e sono sereno perchè so che sto facendo passi avanti e posso arrivare al top per il prosieguo della stagione“.

 

 

SscNapoli