Benitez: “Voglio attenzione e concentrazione sin dall’inizio”

Il tecnico azzurro: lo Young Boys sul suo campo è forte e più temibile. Inler: per me sarà una partita speciale


Lo Young Boys è forte e sul suo campo è più temibile, domani voglio attenzione e concentrazione in campo sin dall’inizio“. Rafa Benitez deciso e molto chiaro alla vigilia del match di Europa League a Berna. Il tecnico azzurro parte dall’analisi di questa prima parte di stagione:

Abbiamo fatto tante cose buone sinora e so che avremmo potuto avere qualcosa in più in termini di punti in questo inizio. Avremmo anche meritato una classifica migliore, ma ho sempre detto e continuo a ripetere che la strada è giusta. Ci sono un paio di cosette da migliorare, anche in fase di attenzione e determinazione agonistica, però sappiamo come agire e migliorare“.

Nell’intervallo di San Siro abbiamo parlato di alcuni atteggiamenti di gioco e di idee da applicare. Nel secondo tempo le abbiamo messe in pratica in campo. Ecco, è così che dobbiamo esprimerci sin dall’inizio del match”.

Tra le cose da migliorare c’è anche il rendimento di Hamsik ed Higuain? “Per me è importante la squadra non i singoli. Marek e Gonzalo sono due campioni, può capitare un periodo che segni meno o che segni di più, abbiamo piena fiducia nelle loro qualità. Ciò che conta è l’impegno che mettono sempre al massimo e che è molto importante per l’economia della squadra

Ci sarà turnover? “Visti gli impegni ravvicinati ci sarà certamente. Ma gli uomini che andranno in campo saranno quelli che mi assicureranno e che daranno il cento per cento. Per me la chiave del successo è l’impiego dell’intera rosa e con questa idea proseguiremo da qui al termine della stagione”

Domani giocherete su un campo sintetico. Siete preparati all’evenienza? “Gokhan mi ha parlato di questa superficie e mi ha spiegato alcune dinamiche. Può essere un vantaggio dello Young Boys, ma sappiamo che dobbiamo giocare il nostro calcio. D’altro canto se loro in casa vincono tanto ed hanno battuto lo Slovan 5-0, significa che questo campo rappresenta una insidia in più”

Volete vincere per chiudere il discorso qualificazione? “Non parlo di vittoria mai per rispetto degli avversari. Ognuno gioca per vincere, di certo posso dire che vogliamo disputare una bella partita. La qualificazione la vogliamo conquistare gara dopo gara. Domani dovremo giocare con attenzione e massima concentrazione”.

Con Antonio Conte ieri di cosa avete parlato? “Abbiamo scambiato opinioni, abbiamo parlato di Insigne, Maggio e Jorginho e poi ci siamo scambiati impressioni tecniche. Un ball’incontro tra due allenatori”

Un Napoli che fa leva sulla guida a centrocampo di Inler: “Gokhan è un esempio per i compagni, un uomo affidabile ed è uno dei nostri capitani. E’ un professionista di alto livello”.

Eccolo Gokhan Inler, che mostra una emozione particolare in conferenza nella sua Svizzera:

Sono nato vicino a Berna e tornare qui per me è sempre speciale. Domani so che giocheremo in un ambiente caldo perché lo conosco. Ci saranno tanti tifosi svizzeri e uno stadio pieno. Sarà una partita speciale sotto il profilo personale ma ciò che conta è cercare il successo con la squadra. Giocheremo su un campo in sintetico molto bello, un terreno che loro conoscono a memoria perché si allenano su questa superficie tutti i giorni. Il pallone rimbalza meno del solito e viaggia molto veloce, ma in ogni caso noi dobbiamo giocare come sappiamo e seguendo le indicazioni di Benitez”

“Lo Young Boys è una squadra giovane e di valore, sarà difficile vincere qui a Berna, ma daremo il massimo per provare a prenderci i tre punti. Come capitano della Svizzera so che magari sentirò in maniera particolare la gara, ma questo è secondario perché ciò che ci interessa è disputare una bella gara e conquistare un risultato positivo“.

Che sensazione vi ha lasciato il pareggio di Milano? “Da San Siro non usciamo bene perché mentalmente l’amarezza di un pareggio subìto oltre il 90esimo ti lascia non bene. Essere rimontati due volte trasforma un buon pareggio in un pareggio amaro. Però la prestazione è stata positiva, abbiamo parlato con il mister ed analizzato gli errori. Sappiamo che dobbiamo lavorare molto per avere il possesso palla e che dobbiamo gestire la partita con più attenzione. Ci vuole più concentrazione e furbizia. Ma le critiche servono a migliorare e sia io che la squadra vogliamo crescere”

“Adesso pensiamo a domani. In Europa League vogliamo andare avanti e per arrivare lontano bisogna concentrarsi passo dopo passo alla partita che arriva. Sappiamo che possiamo far bene in campo internazionale però bisogna sin da domani ottenere un bel risultato in chiave qualificazione”.

Inler e Benitez in conferenza a Berna

Fonte:SSCNapoli.it