Benitez : “Partita con l’Athletic è fondamentale per il futuro”

     

    “Quando si giocano questo tipo di partite sappiamo che non prendere goal è sempre importante” !

     


    Vigilia di playoff di Champions League per il NapoliNapoli, al San Paolo arriva l’Athletic BilbaoAthletic Bilbao.

    Nella conferenza stampa di vigilia, Rafa Benitez non nasconde l’importanza della sfida.


    Finalmente ci siamo, Napoli freme dopo le tante chiacchiere d’agosto e le polemiche su un mercato che stenta ancora a decollare. E’ già tempo di Champions League, anzi di quel playoff che ad agosto già potrebbe essere decisivo per le sorti dell’intera stagione azzurra, alla luce dei 30 milioni (minimo) che ballano per l’accesso alla fase a gironi.

    Nella conferenza stampa di vigilia della gara d’andata contro l’Athletic Bilbao, Rafa Benitez pesa le parole:

    L’Athletic è una squadra davvero completa, che può fare tutto… pressing, ripartenza, possesso palla – ha detto Benitez – Ha poi un vantaggio importante: i suoi giocatori giocano assieme da diversi anni. Loro possono difendere basso, pressare alto, fare tante cose… sarà dal punto di vista tattico una partita molto interessante e di grande intensità“.

    E il Napoli invece? Benitez sottolinea quale sia l’importanza della partita per la stagione partenopea... “Dobbiamo fare la partita con quello che abbiamo – ha detto – Proviamo a fare il massimo e vediamo cosa succede. Da queste due partite dipende il futuro della società, che è sicuramente brillante, ma può esserlo ancora di più se andiamo in Champions e affronteremo le grandi squadre“.

    L’Athletic non ha mai perso contro squadre italiane al San Mamès, anche per questo, in vista delle difficoltà della gara di ritorno sul terreno basco, per il Napoli sarà importante ottenere un buon risultato al San Paolo… Quando si giocano questo tipo di partite sappiamo che non prendere goal è sempre importante – ha affermato Benitez – Comunque vada ci sarà una seconda partita“.

    Il San Mamés è uno stadio mitico – ha detto ancora Benitez – ma il San Paolo è uguale. Domani mi aspetto lo stadio che abbiamo visto nelle grandi sfide, i nostri tifosi devono essere il dodicesimo uomo in campo. Loro devono capire che se uno fa un errore bisogna aiutarlo.I giocatori sono del Napoli e vanno aiutati soprattutto quando fanno un errore“.

    Benitez ha poi parlato della preparazione effettuata dal Napoli… La squadra non può essere già al cento per cento adesso, dopo i Mondiali – ha spiegato il tecnico spagnolo – Molti giocatori sono tornati tardi, ma abbiamo fatto il massimo finora. L’Athletic ha un po’ di vantaggio sul piano fisico, noi dobbiamo cercare di fare il nostro meglio. Ma sono convinto che siamo a buon punto, vedremo domani sul campo“.

    Poi sui singoli… “Higuain? Sta bene, anche se non ancora al cento per cento – ha detto ancora Benitez – E’ però un giocatore di grande qualità e anche all’80% può risultare fondamentale. Henrique, Dzemaili e Zuniga non convocati? Quando ce la lista ristretta a 18 giocatori c’è sempre questo problema. Dopo il Mondiale anche chi è arrivato in ritiro tardi si è allenato bene, come ad esempio Zuniga, ma di sicuro c’è chi è più avanti di condizione“.

    Partita fondamentale quella con l’Atheltic, ha detto Benitez, ma sarà da affrontare senza paure che possano tagliare le gambe ai giocatori. Nonostante l’ambiente partenopeo sia già un ribollente d’attesa e un’eventuale mancata convocazione possa essere accolta come il fallimento di un’intera stagione…

    Il Napoli ha giocato poche volte la Champions – ha affermato Benitez – A tante società forti capita di non giocarla e abbiamo visto anche il Manchester United che non si è qualificato. Sappiamo, però, che è importante dal punto di vista non solo sportivo ma anche economico. Comunque sia, non dobbiamo farci prendere dalla paura. Noi rispettiamo sempre l’avversario e quindi anche l’Athletic, ma senza averne timore. Poi vedremo domani in campo cosa accadrà“.

     

    Goal