Benitez, furioso: “Pareggiare in casa è sempre negativo. Bisogna fare più reti e non subirne!”

E’ un Rafa Benitez nervoso quello che si presenta ai microfoni di SkySport al termine della partita e del colloquio con squadra e staff. Ennesimo pareggio che allunga la fascia positiva, ma che non soddisfa il tecnico:

Il tecnico ha poi spiegato il colloquio avuto a fine gara con il presidente De Laurentiis e la squadra : 

“Ho parlato col presidente, poi col mio staff e poi coi calciatori. Non era un post-partita diverso rispetto al solito. Come giudico il pareggio? Male, pareggiare in casa è sempre negativo. Abbiamo subito gol su un nostro errore e siamo andati in difficoltà. Nella ripresa la reazione della squadra è stata positiva contro una squadra che ha giocato bene”.

Sul rinnovo

“Abbiamo parlato prima, dobbiamo aspettare il momento giusto per continuare a discutere della questione del rinnovo. Adesso dobbiamo pensare alle prossime partite”.

La squadra è influenzata dal suo rinnovo?

“Non credo che la questione del mio rinnovo può influenzare la squadra. Non si può dire che questo gruppo non abbia voglia, in tante occasioni abbiamo fatto bene. Dobbiamo solo evitare certi errori.”

Sulla reazione

“La reazione è stata buona, se Callejon o De Guzman avessero fatto gol staremmo a parlare di una grande rimonta. A me piace guardare a tutta la gara, ad esempio ai primi 20′ in cui abbiamo fatto molto bene. De Guzman è un giocatore di qualità, lo ha fatto vedere anche oggi.”

Si è pensato ai risultati delle altre squadre?

“Il pareggio di Juve e Roma poteva essere uno stimolo per noi. Volevamo vincere questa gara, siamo partiti molto bene, purtroppo abbiamo preso questo gol in contropiede che ha cambiato i nostri piani.”

Sull’esclusione di Higuain

“Higuain ha avuto dei problemi in settimana, non si era allenato al meglio e non era opportuno farlo partire titolare. Era una cosa che sapevano tutti.”

Qual’è il problema di questo Napoli?

Bisogna fare più reti e subirne di meno, difensiva, e fare sempre meglio in fase offensiva.”