Baroni, Aglietti, De vitis: non è impossibile vincere a Napoli

Baroni

Baroni:Vincere a Napoli perché non provarci?

Ecco la parola d’ordine che viene da Verona: Vincere a Napoli, lo hanno scritto i tifosdi, a mò di minaccia, lo dicono 3 ex : Baroni, Devitis e Aglietti.

Ecco cosa scrive L’arena di Verona

Baroni, Aglietti, De vitis: Vincere a Napoli si può

Higuain non c’è. Trenta gol  in meno a cui pensare. È già qualcosa, ma non basta per scacciare tutti i brutti pensieri. Napoli però spesso si fa male da sola, si esalta e si inibisce in un attimo. Rabbuiata dopo aver perso a Udine e senza il suo fuoriclasse per le prossime quattro giornate. Vale la pena provarci, parola di tre doppi ex. Da Baroni ad Aglietti fino a De Vitis.

BARONI– «Non so se il Napoli sia riuscito a riportare le sue energie sull’obiettivo del campo senza farsi distrarre. Chissà. Dall’altra parte vedo un Verona che continua a crederci, che non vuole lasciare nulla di intentato e con il giusto atteggiamento, considerata la complicatissima stagione. l’Importante sarà non chiudersi nella propria area e attaccare bene. Di spazi il Napoli ne concederà».

AGLIETTI– «Per il Verona è la situazione migliore, perché non ha niente da perdere e perché la vittoria di Bologna ha riacceso la speranza. Il Napoli sarà carico ma nervoso, dopo una settimana in cui si sono fatti troppi discorsi, alcuni anche fuori luogo, dopo l’espulsione di Higuain a Udine. L’Hellas non ha un calendario semplice, ma se va in campo con la spensieratezza vista col Bologna può giocare una buona gara e raccogliere un risultato positivo. Il pronostico d’altronde è scontato, tutti pensano alla vittoria del Napoli.
Meglio per il Verona. È chiaro che quanto a valore i dueorganici non vanno nemmeno messi a confronto, ma in novanta minuti secchi può succedere di tutto. Sarebbe stato più difficile per l’Hellas se il Napoli avesse vinto domenica, adesso fra polemiche e possibili contraccolpi psicologici Delneri si trova invece in una condizione ottimale.
Ricordo bene come i veronesi siano “tutti matti”. E proprio questa pazzia positiva, che la piazza ha sempre saputo trasmettere alla squadra, può dare all’Hellas una spinta in più».

DE VITIS-«Attenzione,Napoli proverà a rialzarsi al di là della delusione di questi giorni. Col Verona non ci sarà un fenomeno come Higuain e due ottimi giocatori come Koulibaly e Mertens ma ce ne sono altri. Vedi Jorginho, che prima o poi sarebbe arrivato a questi livelli. Era solo questione di tempo. Lui è un giocatore moderno, davvero un grande talento. Segna poco, forse è la sua unica lacuna da colmare. Se il Verona dovesse ripetere la prestazione di Bologna ha qualche possibilità in più anche se il Napoli non è il Bologna. L’Hellas ha il dovere di lottare fino alla fine, senza scordarsi che di partite ne mancano sette e non una o due. I giocatori devono mettercela tutta sempre e comunque, è una questione essenzialmente di rispetto. Nei confronti di tutti »