ASSURDO: Rai e comune non trovano l’accordo, L’archivio della Canzone Napoletana va a Milano

VERGOGNOSO GESTO DELLA RAI.

TRASLOCA  A MILANO  L’ARCHIVIO STORICO DELLA CANZONE NAPOLETANA

Il trasloco beffa con uno slogan da irritare anche il piu’ mite dei cittadini, infatti la Rai, ne da notizia con una nota che somiglia molto agli strisioni da stadio, per il doppio senso insito.

Il comune aveva reso disponibile la Casina Pompeiana nella Villa Comunale di Napoli, ma la Rai non ha voluto sentire ragioni.

“Le canzoni classiche napoletane sotto la Madunina”

La nuova sede sara’ la mediateca Santa Teresa  di Milano.

STORIA

L’archivio nacque grazie a un’iniziativa di Rai Radio, realizzata in collaborazione con Regione Campania, Provincia di Napoli e Comune di Napoli.

ARCHIVIO

Sono disponibili più di 42.000 brani.

Grazie ad “itinerari guidati” su singoli poeti, musicisti, interpreti o composizioni, anche chi non sapesse alcun titolo di canzone o nome di cantante, potrà ascoltare brani rarissimi o molto famosi, leggere le classifiche delle maggiori presenze nell’Archivio, le canzoni più eseguite, gli autori più interpretati, i cantanti col repertorio più vasto e conoscere i panorami più recenti della canzone napoletana o le successive trasformazioni incontrate da questa produzione artistica, proposta come realtà non statica ma in perenne divenire. ( fonte comune di Napoli)

 Alcuni degli artisti presenti nell’archivio

Enrico Caruso, Fernando De Lucia, Almamegretta, 99 Posse, Gennaro Pasquariello, Gilda Mignonette, Nino Taranto, Maria Paris, Sergio Bruni, Roberto Murolo, Renato Carosone, Mario Merola, Peppino Di Capri, Pino Daniele, Nino D’Angelo, Gigi D’Alessio, Elvis Presley, Paul Mc Cartney, Dulce Pontes, Caetano Veloso, Mireille Mathieu, Charles Aznavour, Frank Sinatra, Frank Zappa e tanti altri.

ANCORA UNA VOLTA NAPOLI E’ DEPREDATA DI UN PEZZO DELLA SUA CULTURA, NEL SILENZIO GENERALE, DELLE ISTITUZIONI, POLITICHE E CIVICHE.

VERGOGNA!