Assurdo il giornale:” Genny ‘a carogna, re delle camorra”

La pace allo stadio la decide Genny ‘a carogna!

SPUTTANAPOLI SHOW

Lo Sputtanapoli non deve morire, avra’ pensato Simone Di Meo, giornalista de il giornale, quotidiano Milanese di proprieta’ della famiglia Berlusconi.

E allora, riesumiamo le vecchie “glorie” avra’ pensato il Di Meo, parliamo di Napoli, invece che di Roma, che e’ il centro della mafia in Italia, ma anche del potere politico, no! Napoli tira sempre, e visto che devo parlare di calcio, ci vuole Genny De Tommaso.

Nessun quotidiano, cartaceo o digitale ha fatto il suo nome, in relazione ai fatti che si sono verificati in curva A domenica, ma il buon Di Meo, ne sa una piu’ del diavolo.

Ecco cosa scrive:

Ci crede proprio nelle virtù del dialogo, «Genny ‘a carogna». Il capo-ultrà, diventato famoso per la «trattativa» all’Olimpico durante la guerriglia per la finale di Coppa Italia tra il Napoli e la Fiorentina, è tornato. E il compito non è meno arduo di quello del 3 maggio 2014, a Roma. C’è da evitare che la faida, scoppiata nei vicoli cari a Totò e a Eduardo, tra Forcella e il rione Sanità, si trasferisca sugli spalti della Curva A dello Stadio San Paolo. Dove, appena domenica scorsa, per poco non c’è scappato il morto perché si sono ritrovati a intonare i cori, spalla a spalla, fumogeno a fumogeno, i due gruppi che da mesi si stanno sterminando a vicenda nel centro storico.

Un’occhiata, uno sputo ed è scoppiata la rissa proprio negli stessi istanti in cui Higuain ubriacava i difensori della Sampdoria con un dribbling mozzafiato per portare in vantaggio i padroni di casa. Un esagitato dei Mastiffs – il gruppo del tifo organizzato orfano proprio di «Genny ‘a carogna» che, causa Daspo, non potrà mettere piede in uno stadio per un bel po’ di tempo – si è fatto prendere la mano e ha sfoderato un coltello. Dall’altra parte hanno minacciato di rispondere con le pistole. Alla fine, un giovane del clan Sequino-Esposito è stato ferito al braccio costringendo i suoi a battere in ritirata.

 

La cosa grave – dice «radiomala» – però è un’altra: per la prima volta nella storia, a legge del San Paolo è stata infranta. La tregua «olimpica» che vietava ai camorristi di versare il sangue sul campo di calcio è andata in frantumi. Resisteva dai tempi di Achille Lauro, di Diego Armando Maradona in posa nella vasca a forma di conchiglia coi boss Giuliano. Era una delle poche cose certe della malavita: «Guagliù, allo stadio non si ammazza». Invece, no. E qui ritroviamo «’a carogna», il mediatore per eccellenza delle cose pallonare.

Secondo le ricostruzioni degli investigatori, che stanno lavorando per identificare gli autori dell’agguato in Curva, la Cupola della malavita cittadina avrebbe imposto ai due clan non solo di evitare simili episodi in futuro, ma di siglare immediatamente la pace in vista delle prossime partite casalinghe della squadra del cuore. Genny si è «sacrificato», e ha convocato un summit d’urgenza in vico Finale (beffe del destino), nel borgo Sant’Antonio Abate. Una decina di persone, appartenenti ai Mastiffs e ai gruppi di Forcella, in tutto. I partecipanti avrebbero finto di incontrarsi per caso in strada. In realtà erano lì – sospettano gli inquirenti – per trovare una «diplomatica» vita d’uscita alla battaglia scoppiata sui gradoni della struttura sportiva di Fuorigrotta sotto la regia dell’ambasciator «carogna».

 

Per esser sempre aggiornato su tutte le curiosita’ su Napoli, seguici anche su facebook, diventa fan della nostra pagina®