Appello della presidentessa Caterina Scuotto, presidentessa dell’Associazione Casa Popolari Casa Mia, al Commissario I.A.C.P.

La presidentessa Caterina Scuotto dell’Associazione Casa Popolare Casa Mia, che si occupa del territorio della città di Caivano specificamente del Rione P.co Verde delle sue infrastrutture I.A.C.P , rivolge un appello al Commissario I.A.C.P. per varie problematiche, ecco una serie di punti:


Sono stati fatti vari lavori di ristrutturazione, ma ci sono ancora molti problemi, in quasi tutti gli edifici ci sono delle infiltrazioni di acquai nei piani alti, queste infiltrazioni creano seri danni agli impianti elettrici creando rischi di corto circuito, nonostante le continue segnalazioni da parte nostra e del delegato del sindacato della Sunia Antonio Ruotolo che si è impegnato per l’associazione e per il territorio. Abbiamo fatto svariati chiamate e fax senza alcuna risposta, non abbiamo ottenuto alcun riscontro e per questo vogliamo fare questo appello. Molti bambini si stanno ammalando per colpa di queste infiltrazioni che causano muffe che portano tossi ed allergie in molti bambini. I materiali sono scadenti, la guaina sui tetti si spacca e per questo avviene l’infiltrazione di acqua. In alcune parti la guaina manca, è totalmente assente, le ringhiere sono arrugginite ed appoggiandosi c’è il rischio di cedimento. Nei finestroni, durante i lavori, non sono stati messi materiali a norma, il ferro si arrugginisce, cede e si rompe. Sono stati effettuati lavori di ristrutturazioni sommari, scadenti e non a norma che sono stati già pagati, alcuni balconi non sono stati verniciati, mancano dei vetri, i lavori che sono stati fatti sono molto scadenti. Mancano totalmente i citofoni e mancano degli spazi per gli anziani.

Un altro problema è il seguente, nel nostro rione ci sono circa 600 tra bambini ed adolescenti nel rione ACP che non hanno un luogo di aggregazione, spesso i bambini sono costretti a giocare in luoghi pericolosi, nei corridoi, vicino alle scale e spesso si fanno male e succedono disgrazie, come la caduta della piccola Fortuna. Esiste una pista di pattinaggio, ma sotto sono stati sotterrati rifiuti di ogni genere, dagli pneumatici alle televisioni e frigoriferi. Abbiamo fatto molti solleciti, poiché non ci sono giochi e luoghi di aggregazione per i nostri bambini ed adolescenti, ma non ci arriva nessun tipo di risposta.

Nel nostro rione I.A.C.P. viene effettuata la raccolta delle taniche di olio usato che prima venivano buttate, oggi invece vengono riciclate.

Nelle mia palazzina ci sono 4 disabili e spesso l’ascensore si blocca e si rompe e non arriva al piano e noi per portarlo al piano dobbiamo portarlo manualmente a piano, tirando un cavo metallico         all’ ultimo piano, questa azione è molto pericolosa.

Nelle nostre palazzine non ci sono pulizie delle scale, ci organizziamo tra di noi, ma spesso i turni saltano perché le persone devono badare ai diversamente abili. C’è immondizia dovunque, gli spazzini non passano, la raccolta differenziata non viene fatta e noi ci chiediamo il perché Commissario? La preghiamo di rispondere alle nostre problematiche, lei è al corrente di queste problematiche?? Può provvedere cortesemente al più presto , il Comitato Casa Mia ha 93 famiglie che denunciano a gran voce le suddette problematiche, è possibile provvedere e fare qualcosa al più presto??