Altro che azionariato popolare, quella di ADL è stata solo una pessima battuta.

Restituiti 8mila euro a De Laurentiis

 

Azionariato popolare? no! solo una battuta fuori tempo

Di: Francesco Pollasto

Napoli 15/12/2015

“se guardate il mio film comprerò un giocatore in più” ha detto Aurelio De Laurentiis, a margine della presentazione del suo ultimo film, Natale col Boss.

Film ambientato a Napoli ma girato altrove, perché’ come spiega lo stesso De Laurentiis, a Napoli è impossibile girare un film, strano, peraltro molti film che sono stati girati a Napoli hanno vinto tante volte riconoscimenti importanti da giurie internazionali.

Premetto, odio tutti gli stereotipi legati alla mia città di conseguenza anche il titolo scelto dal patron.

Detto ciò veniamo al fatto, girando per il web, leggo che qualche giornalista almeno credo che lo sia, ha pensato bene di accostare la battuta di Aurelio all’azionariato popolare.

Pessimo accostamento. In primis, chiariamo un punto, quella di Aurelio de Laurentiis è solo una battuta, purtroppo enfatizzata e mal gestita da una certa  stampa locale, sempre al top quando si tratta di creare un caso alla X-files cioè “ca nun esist proprio”.

L’azionariato popolare è una cosa ben diversa, l’uso strumentale di una frase, per illudere il tifoso, non mi piace proprio come concetto e non mi piace  nemmeno l’idea di accostare i film al calcio, trovo che siano l’esatto opposto.

Capisco che a qualcuno vorrebbe  ingraziarsi il presidente, allora perché’ non scrivere un’ Ode? Un’ elegia? Un’ sonetto?

Misteri sotto al Vesuvio altro che commissario Ricciardi, qua ci vorrebbe Eleonora de Fonseca Pimentel.

Il presidente è un genio quando si tratta di attirare i tifosi, sono certo che se avrà intenzione di chiedere la partecipazione dei tifosi, troverà via e modi giusti.

L’azionariato popolare tramite i film non e’ annoverato tra questi, anche perché’ ADL in italia quanti film gira ogni anno? Pochini, pochini, forse ne distribuisce qualcuno in più, come diceva il buon professor Bellavista :” ma vi siete fatto bene i conti? Vi conviene?”

Lasciamo stare la retorica che non ci appartiene, pensiamo al nostro Napoli, il mercato di gennaio come sempre e’ una giostra che attira i tifosi, e De Laurentiis, parafrasando il cinema è una grande Zampanò.

 

P.S. ho trovato qualche film girato casualmente a Napoli:

  • 32 dicembre (Luciano De Crescenzo – 1988)
  • Accadde in settembre (William Dieterle – 1950)
  • Amore a prima vista (Vincenzo Salemme – 1999)
  • Amore e libertà – Masaniello (Angelo Antonucci, 2006)
  • L’amore molesto (Mario Martone – 1995)
  • Annarè (Ninì Grassia – 1998)
  • Appassionate (Tonino De Bernardi – 1999)
  • Appuntamento a Ischia (Mario Mattoli – 1960)
  • L’arte della felicità (Alessandro Rak – 2013)
  • Assunta Spina (Gustavo Serena – 1915)
  • Assunta Spina (Roberto Roberti – 1930)
  • Assunta Spina (Mario Mattoli – 1948)
  • Assunta Spina (Sandro Bolchi – 1992), mini-serie televisiva
  • Assunta Spina (Riccardo Milani – 2006), fiction televisiva
  • Autunno (Nina di Majo – 1999)
  • Avventura a Capri (Giuseppe Lipartiti – 1958)
  • Le avventure acquatiche di Steve Zissou (Wes Anderson – 2004)
  • La baia di Napoli (Melville Shavelson – 1960)
  • Blues metropolitano (Salvatore Piscicelli – 1985)
  • The Bourne Supremacy (Paul Greengrass – 2004)
  • I buchi neri (Pappi Corsicato, con Iaia Forte – 1995)
  • Caccia alla volpe (Vittorio De Sica – 1966)
  • Café Express (Nanni Loy – 1980)
  • Le calde notti di Lady Hamilton (Christian-Jaque – 1967)
  • Il camorrista (Giuseppe Tornatore – 1986)
  • Campane a martello (Luigi Zampa – 1949)
  • Canzone di Lucio Dalla (videoclip, 1996)
  • Capo Nord (Carlo Luglio – 2003)
  • Capri (Enrico Oldoini, fiction in onda nel 2006)
  • Capriccio all’italiana (Pier Paolo Pasolini – 1967)
  • Carosello napoletano (Ettore Giannini – 1953)
  • Celebrità (Nini Grassia – 1981)
  • Certi bambini (Andrea Frazzi e Antonio Frazzi – 2004)
  • Che cosa è successo tra mio padre e tua madre? (Billy Wilder – 1972)
  • Ci sta un francese, un inglese e un napoletano (Eduardo Tartaglia) – (2007)
  • Cient’anne (Nini Grassia – 1999)
  • Il clan dei camorristi
  • Cleopatra (Joseph L. Mankiewicz – 1963)
  • Comizi d’amore (Pier Paolo Pasolini – 1965)
  • Il commissario Raimondi (Paolo Costella, fiction in onda nel 1998)
  • Un complicato intrigo di donne vicoli e delitti (Lina Wertmuller – 1986)
  • Il conte di Sant’Elmo (Guido Brignone – 1950)
  • I contrabbandieri di Santa Lucia (Alfonso Brescia – 1979)
  • Il coraggio di Angela (Luciano Manuzzi – 2008), miniserie televisiva
  • Così parlò Bellavista (Luciano De Crescenzo – 1984)
  • Così per caso – Dogma 95 (Cristiano Ceriello – 2003)
  • Danza dei Narcolexia (videoclip, 1997)
  • Il Decameron (Pier Paolo Pasolini – 1971)
  • Delitto a Posillipo (Renato Parravicini – 1967)
  • Delitto in pieno sole (René Clément – 1960)
  • Denti (Gabriele Salvatores – 2000)
  • Diciottenni al sole (Camillo Mastrocinque – 1962)
  • Domenica (Wilma Labate – 2001)
  • Una donna ha ucciso (Vittorio Cottafavi – 1951)
  • …e Napoli canta! (Armando Grottini – 1953)
  • L’eredità della priora (Anton Giulio Majano – 1980)
  • Eruzione del Vesuvio (Roberto Troncone – 1906). Documentario muto sull’eruzione del Vesuvio del 6 aprile 1906, ripreso dal treno della Circumvesuviana a Torre Annunziata, Ottaviano e San Giuseppe Vesuviano, con le distruzioni arrecate dal vulcano alle abitazioni.
  • Ferdinando e Carolina (Lina Wertmuller – 1999)
  • Ferdinando I, re di Napoli (Gianni Franciolini – 1959)
  • “FF.SS.” – Cioè: “…che mi hai portato a fare sopra a Posillipo se non mi vuoi più bene?” (Renzo Arbore – 1983)
  • Filumena Marturano – (1946)
  • Fortapàsc (Marco Risi, con Libero De Rienzo, Ernesto Mahieux, Gianfranco Gallo – 2009)
  • Francesca e Nunziata (Lina Wertmuller – 2001)
  • Fuoco su di me (Lamberto Lambertini – 2006)
  • Giallo napoletano (Sergio Corbucci – 1979)
  • Giro di Lune tra Terra e Mare(Giuseppe M. Gaudino – 1998)
  • Il giudizio universale (Vittorio De Sica, con Alberto Sordi, Paolo Stoppa, Vittorio Gassman, Nino Manfredi, Renato Rascel, Silvana Mangano, Jack Palance, Fernandel, Ernest Borgnine, Lino Ventura, Vittorio De Sica, Domenico Modugno, Mike Bongiorno – 1961)
  • Giuseppe Moscati (Giacomo Campiotti – 2007)
  • Gomorra (Matteo Garrone – 2008)
  • Gomorra – La serie
  • Gorbaciof (Stefano Incerti – 2010)
  • Il grande ammiraglio (Alexander Korda – 1941)
  • Graziella (Giorgio Bianchi – 1954)
  • Grido (Pippo Delbono – 2006)
  • I guappi (Pasquale Squitieri – 1974)
  • La guerra di Mario (Antonio Capuano – 2005)
  • Gunslinger Girl (serie animata giapponese – 2002)
  • Ieri, oggi e domani (Vittorio De Sica – 1963)
  • L’imperatore di Capri (Luigi Comencini – 1949)
  • In ginocchio da te (Ettore Maria Fizzarotti – 1964)
  • Into Paradiso (Paola Randi – 2010)
  • Io speriamo che me la cavo (film) (Lina Wertmüller – 1992)
  • Io t’ho incontrata a Napoli (Pietro Francisci – 1946)
  • Ischia operazione amore (Vittorio Sala – 1966)
  • Isotta (Dario Formisano – 1996)
  • La kryptonite nella borsa (Ivan Cotroneo – 2011)
  • Lazzarella (Carlo Ludovico Bragaglia – 1957)
  • Il leone di Amalfi (Pietro Francisci – 1950)
  • Leoni al sole (Vittorio Caprioli – 1961)
  • Lo spazio bianco (Cristina Comencini – 2009)
  • Libera (Pappi Corsicato – 1993)
  • Luca il contrabbandiere (Lucio Fulci – 1980)
  • Lucky Luciano (Francesco Rosi – 1973)
  • Luisa Sanfelice (Leo Menardi – 1942)
  • Luisa Sanfelice (Fratelli Taviani – 2002)
  • Luna Rossa (Antonio Capuano – 2001)
  • Maccheroni (Ettore Scola – 1985)
  • Made in Italy (Nanni Loy – 1965)
  • Mangia prega ama (Ryan Murphy, 2010)
  • Le mani sulla città (Francesco Rosi, con Rod Steiger e Salvo Randone – 1963). L’ambientazione napoletana non è peculiare, ma rappresenta una qualsiasi città italiana e l’abusivismo edilizio allora particolarmente diffuso. Con la sua denuncia, il film vinse il Leone d’oro al Festival di Venezia del 1963.
  • Mare nero (Roberta Torre – 2005)
  • Maruzzella (Luigi Capuano – 1956)
  • Mater Natura (Massimo Andrei – 2005)
  • Matrimonio all’italiana (Vittorio De Sica, con Sophia Loren e Marcello Mastroianni – 1964)
  • La mazzetta (Sergio Corbucci – 1978)
  • Il medico dei pazzi (Mario Mattoli – 1954)
  • Mi manda Picone (Nanni Loy – 1983)
  • Milanesi a Napoli (Enzo Di Gianni – 1955)
  • Miseria e nobiltà (Mario Mattoli – 1954)
  • Il mistero di Bellavista – seguito di Così parlò Bellavista (Luciano de Crescenzo – 1985)
  • Monastero di Santa Chiara
  • Morte di un matematico napoletano (Mario Martone – 1992)
  • Il mulatto – (Francesco De Robertis – 1949)
  • Napoli… la camorra sfida e la città risponde (Alfonso Brescia – 1979)
  • Napoli… serenata calibro 9 (Alfonso Brescia – 1978)
  • Napoli: i cinque della squadra speciale (Mario Bianchi – 1978)
  • Napoli: la Storia dalle origini al 1637 (Luciano De Fraia – 2008)
  • Napoli, Napoli, Napoli (Abel Ferrara, 2008)
  • Napoli, Palermo, New York – Il triangolo della camorra (Alfonso Brescia – 1981)
  • Napoli 1860: la fine dei Borboni (Alessandro Blasetti – 1970)
  • Napoli ’43 (vari registi fra cui Roberto Rossellini – 1954)
  • Napoli che canta (Roberto Leone – 1926)
  • Napoli che non muore (Amleto Palermi – 1939)
  • Napoli d’altri tempi (Amleto Palermi – 1938)
  • Napoli milionaria! (Eduardo de Filippo – 1950)
  • Napoli piange e ride (Flavio Calzavara – 1954)
  • Napoli si ribella (Michele Massimo Tarantini – 1977)
  • Napoli spara! (Mario Caiano – 1977)
  • Napoli storia d’amore e di vendetta (Mario Bianchi – 1979)
  • Napoli violenta (Umberto Lenzi – 1976)
  • Neapolitan Mouse (Hanna-Barbera, 1953) cartoon della serie Tom & Jerry
  • Nel regno di Napoli (Werner Schroeter – 1978)
  • “Nevrotype” dei Napoli Anthem (videoclip, 2001)
  • No grazie, il caffè mi rende nervoso (Lodovico Gasparini – 1982)
  • Non è giusto (Antonietta De Lillo – 2002)
  • Una notte (Tony D’Angelo – 2007)
  • La nuova squadra (2008-2011)
  • O’Professore
  • ‘O re (Luigi Magni – 1989)
  • ‘O sole mio (Giacomo Gentilomo – 1945)
  • Le occasioni di Rosa (Salvatore Piscicelli – 1981)
  • L’ombra nera del Vesuvio Steno 1987
  • Operazione San Gennaro (Dino Risi, con Totò, Nino Manfredi, Senta Berger e Mario Adorf – 1966)
  • Opopomoz (Enzo D’Alò – 2003)
  • L’oro di Napoli (Vittorio De Sica, con lo stesso De Sica, Totò, Eduardo De Filippo, Sophia Loren, Silvana Mangano e Paolo Stoppa – 1954), film in 6 episodi tutti ambientati a Napoli
  • Oriente (videoclip Nomadi – 2004)
  • Ossidiana (Silvana Maja – 2006)
  • Pacco, doppio pacco e contropaccotto (Nanni Loy – 1993)
  • La pagella (Ninì Grassia – 1978)
  • Paisà (Roberto Rossellini – 1946): il secondo episodio, “Napoli”
  • Passione (John Turturro – 2010)
  • Pater familias (Francesco Patierno – 2003)
  • La pelle (Liliana Cavani – 1981)
  • Pensavo fosse amore invece era un calesse (Massimo Troisi – 1991)
  • Il piacere di piacere (Luca Verdone – 2002)
  • Pianese Nunzio, 14 anni a maggio (Antonio Capuano – 1996)
  • Piedino il questurino (Franco Lo Cascio – 1974)
  • Piedone a Hong Kong (Steno – 1975)
  • Piedone d’Egitto (Steno – 1980)
  • Piedone l’africano (Steno – 1978)
  • Piedone lo sbirro (Steno – 1973)
  • Polvere di Napoli (Antonio Capuano – 1998)
  • Un posto al sole (soap opera in onda dal 1996)
  • I Prepotenti (Mario Amendola – 1958)
  • Il principe abusivo (Alessandro Siani – 2013)
  • Profumo di donna (Dino Risi – 1974)
  • Pronto… Lucia (Ciro Ippolito – 1982)
  • Le quattro giornate di Napoli (Nanni Loy, con Regina Bianchi, Luigi De Filippo, Aldo Giuffré, Pupella Maggio – 1962)
  • Il re di Poggioreale (Domenico Paolella – 1961)
  • Reality (Matteo Garrone – 2012)
  • Il resto di niente (Antonietta De Lillo – 2004)
  • Ricomincio da tre (Massimo Troisi – 1981)
  • Regina (Salvatore Piscicelli – 1987)
  • Rose e pistole (Carla Apuzzo – 1998)
  • Rosa Funzeca (Aurelio Grimaldi – 2002)
  • Sabato, domenica e lunedì (Lina Wertmüller – 1990)
  • Scugnizzi (Nanni Loy – 1989)
  • Scusate il ritardo (Massimo Troisi – 1983)
  • Se lo scopre Gargiulo (Elvio Porta – 1988)
  • Se telefonando di Mina (videoclip, 1956)
  • La seconda volta non si scorda mai (Francesco Ranieri Martinotti) – 2008)
  • Il seme della discordia (Pappi Corsicato, con Alessandro Gassmann, Caterina Murino, Michele Venitucci – 2008)
  • La sfida (Francesco Rosi – 1958)
  • Sissi a Ischia (Alfred Weidenmann – 1958)
  • La squadra (fiction)
  • Song ‘e Napule (Manetti Bros – 2014)
  • Stanno tutti bene (Giuseppe Tornatore – 1990)
  • Le streghe, episodio La Terra vista dalla Luna (Pier Paolo Pasolini – 1966)
  • Sulla mia pelle (Valerio Jalongo – 2003)
  • Il talento di Mr. Ripley (Anthony Minghella – 1999)
  • Teatro di guerra (Mario Martone – 1998)
  • Il tesoro di Pompei cartoon della serie Lupin III
  • Ti lascio perché ti amo troppo (Francesco Ranieri Martinotti – 2006)
  • Tom & Jerry a Napoli (Neapolitan mouse) (William Hanna e Joseph Barbera – 1954)
  • Totò, Peppino e la… malafemmina (Camillo Mastrocinque – 1956)
  • Totò Sapore e la magica storia della pizza (Maurizio Forestieri – 2003)
  • Un turco napoletano (Mario Mattoli – 1953)
  • Turn (Napoli) dei New Order (videoclip, 2005)
  • Tutti a casa (Luigi Comencini – 1960)
  • L’uomo in più (Paolo Sorrentino – 2001)
  • Vedi Napoli e poi muori (Eugenio Perego – 1924)
  • Vedi Napoli e poi muori (Enrico Caria – 2007)
  • Il vento (videoclip dei Subsonica – 2008)
  • Vento di terra (Vincenzo Marra – 2004)
  • I vesuviani
  • Viaggio in Italia (Roberto Rossellini – 1954)
  • La vita degli altri (Nicola de Rinaldo – 2002)
  • Vito e gli altri (Antonio Capuano – 1991)
  • La valigia sul letto (Eduardo Tartaglia – 2010)