Alta tensione durante le elezioni di Tavecchio. Agnelli contro tutti. Botta e risposta con Preziosi e Lotito. De Laurentiis commenta ironico.

    futuro da big

    Momenti d’alta tensione quelli che si sono verificati durante l’elezione di Tavecchio, nella sede della FIGC. A riferirlo è l’edizione odierna della Gazzetta dello Sport. Protagonista principale Andrea Agnelli, sostenitore del movimento NoTav (Tav, sta per Tavecchio). Agnelli si avvicina al presidente del Genoa Enrico Preziosi, invitandolo a non fare più il suo nome alla stampa. La replica del patron genoano e immediata “sei tu che non devi parlare più di me.”

    Il battibecco fa riferimento ad una frase che Preziosi aveva detto alla stampa “Agnelli è andato in ginocchio per un posto nel consiglio federale.”

    Più tardi la tensione cresce. Questa volta Andrea Agnelli litiga con Claudio Lotito. Il presidente della Lazio è il più accanito sostenitore di Tavecchio. Mentre il presidente della Juventus è il primo sostenitore di Albertini. Interviene il d.g. juventino Beppe Marotta: “Incredibile come Lotito sostenga Tavecchio. Non si è mai verificata una cosa simile. Pare quasi che ci siano sotto interessi personali.”

    Infine intervento ironico del presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis, anche lui sostenitore di Tavecchio: “Noi litighiamo con Agnelli? Casomai è lui a litigare con tutti…”